Perché il dosaggio dell’HbA1c è considerato oggi un test così rilevante?

Alcuni studi prestigiosi molto recenti, ma anche la pratica clinica quotidiana nei Centri di diabetologia ne hanno ampiamente convalidato l’importanza, confermando l’esistenza di una correlazione precisa e stabile tra la glicemia e la percentuale di emoglobina glicata.

Le indagini più recenti hanno documentato che una riduzione dei valori dell’HbA1c può ritardare o prevenire in modo evidente lo sviluppo di complicanze future nelle persone diabetiche. Più bassi si mantengono i valori dell’HbA1c, migliore è la salute del diabetico.

 

Mantenere bassi i livelli di HbA1c significa ridurre il rischio di:
  • complicanze ai piedi, per esempio ulcere
  • malattie cardiovascolari
  • disturbi alla vista
  • problemi renali
  • complicazioni neurologiche
  • infezioni
  • impotenza

 

 

Potrebbero interessarti

  • 14 luglio 2018Gli aghi da penna non sono tutti ugualiLa scelta dell’ago giusto per l’iniezione dell’insulina ha grande importanza non solo per la corretta somministrazione dell’insulina ma anche per la sicurezza del paziente e dell’operatore sanitario. Troppe volte le scelte degli aghi per penna sono basate unicamente sul prezzo più basso non tenendo nella giusta considerazione una serie di caratteristiche che hanno un impatto sulla […] Posted in Insulina
  • 27 luglio 2018Ipertrofia prostatica benigna e diabete: quale correlazione?L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una condizione fisiologica dell’età: consiste in un progressivo ingrandimento della porzione centrale della ghiandola prostatica, dove – medialmente, sul collo della vescica viene a formarsi una porzione in più, chiamata adenoma prostatico. Posted in Nefropatia e vie urinarie
  • 17 settembre 2018La terapia del diabete di tipo 2 con metforminaIn Italia, circa il 60% delle persone con diabete tipo 2 prende metformina da sola o con altri farmaci (molti dei nuovi farmaci sono associati a metformina nella stessa pastiglia). La metformina è un farmaco per il diabete tipo 2 usata da oltre 50 anni ma sempre basilare nella terapia di questo tipo di diabete, come confermato anche nelle ultime linee guida SID-AMD, 2018. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali