Un caffè a pranzo riduce rischio diabete tipo 2

Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di San Paolo bere caffè all’ora di pranzo aiuta a ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
La ricerca ha coinvolto 69.532 donne francesi tra i 41 e i 72 anni non diabetiche alle quali è stato chiesto di compilare un questionario relativo alle abitudini alimentari tra il 1993 e il 1995. Il follow-up condotto dopo 11 anni ha mostrato l’insorgenza di 1415 casi di diabete di tipo 2, stabilendo una correlazione inversamente proporzionale tra il rischio di diabete e la quantità di caffè consumato in un giorno e dimostrando che le donne che consumavano una tazza di caffè all’ora di pranzo avevano il 33% in meno di probabilità di diventare diabetiche rispetto a coloro che non bevevano mai caffè. Lo stesso beneficio è stato osservato anche nelle donne che sceglievano il caffè decaffeinato, sia zuccherato che amaro, ma sempre se consumato all’ora di pranzo.
Saranno comunque necessari ulteriori studi per capire le ragioni per le quali il caffè abbia effetti positivi sulla riduzione del rischio diabete solo se assunto a mezzogiorno e non in altri momenti della giornata.

 

 
Fonte: 9 marzo 2010, American Journal of Clinical Nutrition

Potrebbero interessarti

  • 12 settembre 2018NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018NEURODIAB 2018, Congresso internazionale sulla neuropatia diabetica, una complicanza che colpisce 1 su 3 persone con diabete. Nel corso del congresso sono stati presentati i nuovi strumenti di diagnosi e si è fatto il punto sulle ultime terapie disponibili. NEURODIAB, il Gruppo di Studio sulla Neuropatia Diabetica della Società Europea per lo Studio del Diabete (EASD), è presieduto […] Posted in Neuropatia
  • 17 settembre 2018La terapia del diabete di tipo 2 con metforminaIn Italia, circa il 60% delle persone con diabete tipo 2 prende metformina da sola o con altri farmaci (molti dei nuovi farmaci sono associati a metformina nella stessa pastiglia). La metformina è un farmaco per il diabete tipo 2 usata da oltre 50 anni ma sempre basilare nella terapia di questo tipo di diabete, come confermato anche nelle ultime linee guida SID-AMD, 2018. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 28 agosto 2018#1 – La scoperta del DT1Dopo due anni siamo tornati a intervistare Fabio Braga, brillante imprenditore di Novara che ha scoperto da adulto di avere il diabete di tipo 1 altamente instabile e ha cominciato un percorso personale, tra alti e bassi, per imparare a gestirlo. Da subito instaura un rapporto preferenziale con il suo diabetologo e nel tempo trova nella tecnologia e soprattutto dentro di sé la […] Posted in Fabio Braga