Carboidrati raffinati raddoppiano il rischio di coronopatia

Carboidrati raffinati raddoppiano il rischio di coronopatia. Una ricerca effettuata presso la Fondazione Irccs Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e pubblicata su Archives of Internal Medicine, ha dimostrato che le donne che mangiano frequentemente e abbondantemente carboidrati ad alto indice glicemico – che provocano cioè l’aumento di glucosio nel sangue – aumentano il rischio di malattie cardiache. Al contrario degli uomini cui questo tipo di alimento non produce lo stesso rischio. Quasi 45.000 volontari (oltre 13.000 uomini fra 35 e 64 anni e quasi 31.000 donne fra 35 e 74 anni) di Torino, Varese, Firenze, Napoli e Ragusa per otto anni hanno compilato questionari sulle loro abitudini alimentari, la storia clinica e il loro lo stile di vita (attività fisica, fumo, uso di alcool).
I ricercatori hanno calcolato il consumo di carboidrati e l’indice glicemico della dieta dei volontari. Nel periodo studiato, 463 delle persone che si sono sottoposte alla ricerca hanno sviluppato una coronaropatia (158 donne e 305 uomini); in base ai dati raccolti si è osservato che un quarto delle donne – precisamente quelle che avevano consumato più carboidrati – ha raddoppiato nel periodo osservato il rischio di malattie cardiache così come un quarto di quelle che ne avevano consumati di meno. I ricercatori hanno allora diviso i carboidrati in base al loro indice glicemico, concludendo che la differenza era nella qualità dei cereali e non nello loro quantità, infatti quelli raffinati, con indice glicemico più alto, erano più spesso associati al rischio di coronaropatia di quanto non lo fossero quelli integrali che hanno l’indice glicemico più basso.
Le donne esaminate che nella loro dieta avevano cereali con alto indice glicemico avevano un rischio maggiore di 2,24 volte, al contrario degli uomini per i quali non si è notata la stessa relazione. Probabilmente la diversa relazione è provocata dalla diversità di metabolismo del glucosio e delle lipoproteine fra uomini e donne, come ha spiegato la coordinatrice dello studio Sabina Sieri.

 

 
Fonte: Arch Int Med 2010;170(7): 640-647

Potrebbero interessarti

  • 10 ottobre 2017“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di MilanoQuando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e […] Posted in Movimento
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi