Come scegliere le calze più adeguate

curaPiedi

Indossare calze di buona qualità

  • Che mantengano un calore costante, evitando – però – il surriscaldamento
  • Dovrebbero essere di filato naturale (cotone, filo di Scozia, lino) e non sintetico che non lasciano respirare la pelle
  • Esistono anche calze con fibra d’argento che hanno una buona azione antimicrobica. Gli ioni rilasciati dalle fibre dell’argento si legano sulla cellula dei batteri e dei funghi e interferiscono con la loro crescita, contrastando la formazione del cattivo odore
  • Evitare calze troppo pesanti o spesse che si adeguano con minor facilità al piede e possono irritare la cute
  • Indossarle sempre pulite e asciutte. E’ bene cambiarle ogni giorno,in qualsiasi stagione.
Evitare calze che stringano

  • Elastici troppo stretti possono ridurre la circolazione del sangue.
Stare attenti alle cuciture

  • Potrebbero premere ed irritare, causando vesciche
  • Se sono molto sporgenti, può essere opportuno indossare le calze al contrario
Indossare le calze anche a letto

  • Se senti freddo ai piedi durante la notte, indossa un paio di calzini leggeri, di filato naturale, di filato naturale
  • Non usare MAI scaldaletto,  boule dell’acqua calda o simili

Potrebbero interessarti

  • 13 febbraio 2017Unghie dei piedi: vasi e nerviA cura del dr. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma). Le dita dei piedi sono irrorate e innervate da arterie e nervi digitali, dorsali e plantari.   Posted in Unghie e onicopatie
  • 24 marzo 2017Quando e perché si forma un’unghia incarnita?L’unghia incarnita o onicocriptosi, utilizzando un termine medico - dal greco onyx = unghia e kryptos = nascosta - , è un disturbo che colpisce le unghie dei piedi, con una maggiore prevalenza a carico dell’alluce, pur non escludendo le altre dita. Posted in Unghie e onicopatie
  • 2 febbraio 2017Struttura e funzioni delle unghieLe unghie di mani e piedi sono una particolare varietà di annessi cutanei, localizzati sulla falange distale delle dita. Oltre alla funzione protettiva quindi, esse contribuiscono a dare forza alle dita e agevolano la sensibilità tattile della presa e della motilità fine. Posted in Unghie e onicopatie