Come scegliere le calze più adeguate

curaPiedi

Indossare calze di buona qualità

  • Che mantengano un calore costante, evitando – però – il surriscaldamento
  • Dovrebbero essere di filato naturale (cotone, filo di Scozia, lino) e non sintetico che non lasciano respirare la pelle
  • Esistono anche calze con fibra d’argento che hanno una buona azione antimicrobica. Gli ioni rilasciati dalle fibre dell’argento si legano sulla cellula dei batteri e dei funghi e interferiscono con la loro crescita, contrastando la formazione del cattivo odore
  • Evitare calze troppo pesanti o spesse che si adeguano con minor facilità al piede e possono irritare la cute
  • Indossarle sempre pulite e asciutte. E’ bene cambiarle ogni giorno,in qualsiasi stagione.
Evitare calze che stringano

  • Elastici troppo stretti possono ridurre la circolazione del sangue.
Stare attenti alle cuciture

  • Potrebbero premere ed irritare, causando vesciche
  • Se sono molto sporgenti, può essere opportuno indossare le calze al contrario
Indossare le calze anche a letto

  • Se senti freddo ai piedi durante la notte, indossa un paio di calzini leggeri, di filato naturale, di filato naturale
  • Non usare MAI scaldaletto,  boule dell’acqua calda o simili

Potrebbero interessarti

  • 31 maggio 2017I rischi del fumoIl fumo è considerato il principale fattore di rischio per le patologie respiratorie, malattie cardiovascolari, tumori al polmone, al cavo orale, laringe e diversi tipi di neoplasie. Il fumo, attivo o passivo, produce nell’organismo diversi effetti dannosi, tra cui un maggior rischio di diabete di tipo 2. Posted in Fumo
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 23 giugno 2017Ciliegie: seducenti, gustose e… ricche di antiossidantiLe ciliegie forniscono acqua, sali minerali, vitamine e antiossidanti (flavonoidi), utili in una patologia cronica come il diabete di tipo 2. Le ciliegie contengono vitamine sia idrosolubili ( C e gruppo B) sia liposolubili e alcuni carotenoidi, in particolare beta-carotene e livelli più bassi di luteina e zeaxantina. Posted in Fibre, frutta e verdura