Controllare il glucometro con la soluzione di controllo

Di seguito vengono indicate le occasioni in cui è necessario eseguire un valutazione del glucometro con l’apposita soluzione di controllo e i 4 passi necessari per eseguirla al meglio.

 

QUANDO ESEGUIRE IL CONTROLLO

  • La prima volta che si usa un glucometro
  • Almeno una volta alla settimana
  • Ogni volta che si inizia ad utilizzare un nuovo flacone di strisce reattive
  • In caso si sospetti che il glucometro o le strisce reattive non funzionino in modo corretto
  • Per acquisire familiarità con la procedura del test

 

COME ESEGUIRE IL CONTROLLO

1

Inserire la striscia reattiva nel glucometro e attendere fino a che si visualizzino i simboli della striscia reattiva e della goccia di sangue.

 

2

Premere il pulsante in modo che si visualizzi QC, che contrassegna il test come test con soluzione di controllo.

 

3

Effettuare il test: agitare il flacone della soluzione di controllo, fare uscire una goccia, eliminarla, fare uscire un’altra goccia e posarla sulla punta del tappo del flacone.
glucometro-15

Posizionare il foro assorbente della striscia reattiva sulla goccia. Quando la finestra di conferma è completamente riempita il glucometro inizierà il conto alla rovescia.
NB. Per evitare di contaminare la soluzione di controllo, non applicarla direttamente su una striscia reattiva.

 

4

glucometro-2Leggere e verificare che i risultati rientrino nella gamma riportata sul flacone delle strisce reattive.

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia