Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di cura

Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di cura

Questionario sull’esperienza dei familiari di persone con malattia cronica.
L’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”.

 

L’obiettivo dello studio

Lo studio è stato ideato e progettato in seguito all’evidenza documentata che ogni qualvolta la persona che assiste un malato cronico (caregiver) divenga parte attiva del team di cura e assuma consapevolezza circa il valore del proprio ruolo, questo contribuisce all’aumento delle potenzialità di successo terapeutico degli interventi (Bernabeo & Holmboe, 2013), sia nel breve che nel lungo periodo. Tuttavia, nonostante in letteratura ci sia pieno accordo circa la valenza del coinvolgimento attivo del caregiver nella gestione della cura del proprio caro, ad oggi vi è una sostanziale penuria di strumenti di assessment capaci di misurare il livello di tale coinvolgimento (engagement) nel processo di cura; da ciò deriva una scarsa possibilità di fornire indicazioni circa l’appropriatezza di interventi clinico/ organizzativi, volti a sostenere l’engagement dei caregivers.

A tal fine lo studio si prefigge di:

  1. esplorare il coinvolgimento dei caregivers/familiari nel processo di cura e quindi di dare indicazioni circa l’appropriatezza di interventi clinico/organizzativi volti a sostenere l’engagement dei caregivers.
  1. validare la Caregiver-Patient Health Engagement Scale (C-PHE) su una popolazione di caregivers di pazienti affetti da patologia cronica o che richiedano assistenza attiva per peculiarità legate al processo terapeutico (ad esempio pazienti ad alta intensità di cura).

 

La compilazione del questionario online

Lo studio richiede la compilazione di un questionario on line da parte delle persone coinvolte nella cura e gestione della malattia di pazienti con diabete.

Considerata l’assoluta serietà del progetto e le ricadute positive che lo studio avrà sul miglioramento della gestione della patologia per la persona con diabete e delle persone che lo assistono, l’Associazione diabetici della provincia di Milano (ADPMI) ritiene molto importante partecipare attivamente. Per questo invita calorosamente familiari e caregivers a dedicare qualche minuto del proprio tempo a questa valida iniziativa. Il Vostro contributo sarà molto utile ed apprezzato. Il questionario è anonimo. Il presidente dell’ Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI), la d.ssa  Maria Luigia Mottes ringrazia sin da ora tutte le persone che collaboreranno al progetto e compileranno il questionario.

 

 

Il link per rispondere al questionario è il seguente: unicatt.eu.qualtrics.com/SE/?SID=SV_3Pf3VzcS56OLSzb

Potrebbero interessarti

  • 30 giugno 2017Il medico di famiglia in Lombardia: punto di riferimento privilegiato per il malato cronicoLa presa in carico del paziente cronico rappresenta sicuramente la maggior sfida per qualunque Sistema Sanitario. La legge 23/15 coglie questa sfida dal punto di vista della multidisciplinarietà e dell’integrazione tra le diverse anime della presa in carico, ma il sistema può funzionare solo se garantisce “prossimità”.   Posted in Regioni
  • 29 maggio 2017AMD presenta il Core Competence Curriculum del DiabetologoL’AMD presenta, in occasione del XXI Congresso Nazionale AMD, il Core Competence Curriculum del Diabetologo, strumento concreto in grado di favorire l’attuazione di un modello assistenziale integrato in ambito diabetologico in un’ottica di efficientamento delle prestazioni e di appropriatezza prescrittiva. Posted in Linee guida
  • 30 giugno 2017Sanità lombarda: oltre 3 milioni i pazienti cronici da gestireTra i pazienti seguiti dal medico di famiglia, 1 su 3 presenta almeno una patologia cronica, che richiede un continuo monitoraggio. La recente Delibera della Regione riconosce alla figura del Medico di Medicina Generale (MMG) un ruolo centrale nel nuovo sistema di cure finalizzato alla presa in carico dei soggetti con cronicità. Posted in Regioni