Diabete: il suo costo è più che raddoppiato in 15 anni

Piu’ che raddoppiata la spesa sanitaria per la gestione del diabete in Italia in meno di 15 anni, e la tendenza e’ ad un ulteriore aumento dei costi: solo per il 2010 si stima che i diabetici in Italia, che saranno 4,2 milioni di persone, costeranno alle casse del SSN 11 miliardi di euro. E’ il dato riferito da Sandro Gentile, presidente dell’Associazione Medici Diabetologi Italiani (AMD) in occasione del 45/imo congresso della associazione europea per lo studio del diabete in corso a Vienna. In Italia e’ colpito da questa condizione oltre il 5% della popolazione e questa quota e’ destinata a crescere al 7%, pari a 4,2 milioni di persone, nel 2010. Essendo una malattia cronica con complicanze nel tempo, ha ricordato Gentile, il diabete comporta dei costi non indifferenti: ”se nel 1998 il diabete pesava per 5 miliardi di euro, pari al 6,7% della spesa sanitaria, nel 2006 si e’ passati a otto miliardi, circa l’8% della spesa sanitaria totale e per il 2010 si supereranno gli 11 miliardi di euro. Per razionalizzare i costi, ha spiegato Gentile, come pure per la salvaguardia della salute dei pazienti, e’ quanto mai necessario gestire la malattia sin dall’inizio, trattando le persone gia’ quando la loro glicemia non e’ altissima. Infatti oggi ”quando facciamo la diagnosi di diabete gia’ il 50% della capacita’ pancreatica di produrre insulina risulta compromessa nel paziente – ha detto Gentile – invece bisognerebbe agire quando ancora il livello di glicemia e’ non grave”. Infatti, ha proseguito, se abbatti da subito il livello di emoglobina glicata (un parametro di misura della gestione del diabete importantissimo) di un punto avrai la riduzione di un quarto delle complicanze a 5 anni dalla diagnosi, che si traduce in una riduzione notevole di spesa sanitaria. Per intervenire al meglio, ha sottolineato Gentile, serve l’organizzazione dei servizi diabetologici, l’integrazione delle competenze specialistiche e della medicina generale e nuovi modelli assistenziali-gestionali. L’Italia, ha concluso, ha mostrato un progressivo miglioramento delle performance assistenziali tra 2004 e 2007, come dimostrato da un miglioramento di tutti gli indicatori clinici della malattia (emoglobina glicata, controllo lipidico etc), ma ancora molto bisogna fare nel campo della prevenzione.

 

 

Fonte: 30 settembre, unità.it

Potrebbero interessarti

  • 27 novembre 2016Io, il diabete e lo sportFornire a tutti gli interessati uno strumento pratico che contenga cenni di base di fisiologia dello sport, indicazioni su come gestire alimentazione, autocontrollo della glicemia e terapia individuale, nozioni per praticare lo sport in sicurezza, informazioni per richiedere un certificato di idoneità medico-sportiva. Posted in Testimonianze
  • 10 febbraio 2017Prevenzione cardiovascolare. La banca del cuore va in tourParte da Sanremo (8-11 febbraio 2017), toccando poi 30 città. Ad ogni sosta, previsti screening gratuiti di prevenzione cardiovascolare. La Banca del Cuore è una "cassaforte" virtuale che custodisce il proprio elettrocardiogramma con i valori della pressione arteriosa e i dati clinici della singola persona che ha aderito al progetto. Posted in EVENTI - 2017
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1