Il diabete può danneggiare le ossa

Il diabete puo’ danneggiare anche le ossa, aumentando il rischio di traumi e fratture. E’ quanto ha scoperto un team di ricercatori americani della University of Medicine and Dentistry del New Jersey e della Boston University School of Medicine. “Il diabete e’ una condizione comune, che colpisce oltre 170 milioni di persone nel mondo, un numero destinato a raddoppiare nel 2030”, ha spiegato Dana Graves, ricercatore a capo dello studio pubblicato sull’American Journal of Pathology. “Spesso i pazienti di diabete soffrono anche di scarsa densita’ e resistenza delle ossa, che puo’ portare a fratture piu’ frequenti e a tempi di guarigione piu’ lunghi”. Per esaminare in che modo il diabete influiva sulle ossa, i ricercatori hanno svolto degli esperimenti di guarigione ossea su delle cavie di laboratorio. “Ci siamo resi conto – ha detto Graves – che negli individui diabetici c’e’ un maggiore livello di molecole infiammatorie durante le fasi di riparazioni delle fratture. Queste molecole infiammatorie sono associate a un numero maggiore di osteoclasti, cellule che distruggono e rimuovono ossa e cartilagini danneggiate”. Nei diabetici, quindi, le ossa si distruggono a un ritmo maggiore del normale, a cui pero’ non corrisponde una ricostruzione altrettanto rapida. “Le molecole infiammatorie stimolate dal diabete vanno a incidere negativamente sui processi di guarigione”, ha detto Graves. “Come risultato, le ossa si indeboliscono”.

 

 
Fonte: 29 settembre, SaluteAgi.it

Potrebbero interessarti

  • 15 ottobre 2018Grasso dell’epicardio: vittima silenziosa dell’iperglicemiaIl grasso che ricopre la superficie del cuore (epicardio) non è un pigro spettatore del lavoro del muscolo miocardico ma partecipa al suo funzionamento: regola l’ ‘approvvigionamento’ di grassi e invia segnali che possono modulare tessuto cardiaco e vascolare. In più, contiene delle cellule staminali, preziose per i processi riparativi dopo un danno. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 12 settembre 2018NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018NEURODIAB 2018, Congresso internazionale sulla neuropatia diabetica, una complicanza che colpisce 1 su 3 persone con diabete. Nel corso del congresso sono stati presentati i nuovi strumenti di diagnosi e si è fatto il punto sulle ultime terapie disponibili. NEURODIAB, il Gruppo di Studio sulla Neuropatia Diabetica della Società Europea per lo Studio del Diabete (EASD), è presieduto […] Posted in Neuropatia
  • 30 luglio 2018Il diabete di tipo 2 in crescita tra adolescenti e giovani adultiLa prevalenza del diabete di tipo 2 (DT2) negli adolescenti e nei giovani adulti sta aumentando in tutto il mondo, di riflesso alla crescita dell’obesità infantile. Simile per insorgenza al diabete di tipo 2 degli adulti, il DT2 nei giovani manifesta una maggiore predisposizione a vari fattori di rischio, tra cui obesità, storia familiare e stile di vita sedentario. Posted in Diabete di tipo 2