Diabete: la terapia personalizzata fa scuola nel mondo

È “made in Italy” il modello di cura personalizzato del diabete che potrebbe essere implementato a livello internazionale: la notizia viene da Lisbona, dove si sta svolgendo il 47° Congresso della European Association for the Study of Diabetes (EASD).
Il documento di consenso realizzato dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD) prevede infatti cinque diversi profili di paziente con diabete in base all’età e alle comorbilità presenti, che consentono di stratificare il rischio e di associare a ogni individuo uno schema e un sottoschema di terapia. L’ultimo passaggio è direttamente in mano al paziente e prevede l’a utomonitoraggio dei valori glicemici in diversi momenti della giornata, prima e dopo i pasti e consente di individuare i momenti più critici.
Le opzioni terapeutiche a questo punto del percorso sono diverse, dalla metformina, sintetizzata oltre 50 anni fa, fino a linagliptin, inibitore dell’enzima DPP-4 registrato dall’A genzia europea del farmaco (EMA) a fine agosto.[continua…]

 
Fonte 14 settembre 2011, MediciOggi.com

Potrebbero interessarti

  • 10 febbraio 2017Il progetto aderenza: “Segui la terapia” a TorinoPartito alla fine del 2016 all’ASL1 di Torino, il progetto vuole migliorare l’aderenza alla terapia delle persone con una patologia cronica come il diabete o l’ipertensione o altre soprattutto per le persone che hanno difficoltà a seguire una terapia nel tempo. Posted in NEWS - 2017
  • 14 aprile 2017Rosacea: possibile marker di altre patologie tra cui il diabete di tipo 1Novità sulla classificazione della rosacea e sulle terapie per la sua gestione. Un panel di esperti presentano un documento condiviso per la gestione della rosacea al Congresso SIDeMaST, Sorrento, 3-6 maggio 2017. Posted in Diabete e prurito
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie