Diabetici: controllo intenso della glicemia riduce il rischio di infarto del miocardio

Il controllo della glicemia in pazienti affetti da diabete di tipo 2 riduce il rischio di infarto del miocardio non fatale. Sarebbe questa la conclusione a cui portano i risultati di uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Missouri, Kansas City (USA). Ricerche precedenti avevano già confermato il ruolo positivo del controllo glicemico nel ridurre complicazioni micro vascolari quali retinopatia e nefropatia, mentre questo studio in particolare ha dimostrato che esiste un’associazione positiva anche fra il controllo glicemico e la riduzione degli eventi di rischio cardiovascolare considerati “maggiori” (MACE).
I ricercatori hanno arruolato 27.544 individui, registrando gli effetti che un intenso controllo glicemico (in cui l’obiettivo da raggiungere è HbA1c pari o inferiore a 6.5%) aveva su eventi quali mortalità, ictus e infarto non-fatale del miocardio rispetto al tradizionale trattamento per il controllo glicemico (il cui obiettivo è ottenere HbA1c pari o inferiore a 7%) per un periodo di 5.4 anni.
I soggetti destinati al gruppo di intenso controllo glicemico hanno raggiunto in media un livello di HbA1c pari a 6.6% mentre quelli assegnati al gruppo di controllo tradizionale hanno ottenuto HbA1c pari a 7.4%.
I ricercatori hanno quindi notato che un controllo glicemico più intenso non ha ridotto il rischio di ictus o il tasso di mortalità, ma ha ridotto invece il rischio di infarto non-fatale del miocardio del 14%.

 

 
Fonte: Diabetes and Vascular Disease Research, 20 aprile 2010

Potrebbero interessarti

  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 29 maggio 2017AMD presenta il Core Competence Curriculum del DiabetologoL’AMD presenta, in occasione del XXI Congresso Nazionale AMD, il Core Competence Curriculum del Diabetologo, strumento concreto in grado di favorire l’attuazione di un modello assistenziale integrato in ambito diabetologico in un’ottica di efficientamento delle prestazioni e di appropriatezza prescrittiva. Posted in Linee guida
  • 10 luglio 2017Diabete in Italia: a parità di cure, risultati meno soddisfacenti nelle donnePresentata a Bruxelles, nell’ambito di un’audizione parlamentare sulle differenze di genere in medicina, un’analisi del Gruppo Donna AMD su un campione di oltre 470mila pazienti italiani, svolta da circa un terzo dei Centri diabetologici italiani. Posted in Diabete al femminile