Diabetici: controllo intenso della glicemia riduce il rischio di infarto del miocardio

Il controllo della glicemia in pazienti affetti da diabete di tipo 2 riduce il rischio di infarto del miocardio non fatale. Sarebbe questa la conclusione a cui portano i risultati di uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Missouri, Kansas City (USA). Ricerche precedenti avevano già confermato il ruolo positivo del controllo glicemico nel ridurre complicazioni micro vascolari quali retinopatia e nefropatia, mentre questo studio in particolare ha dimostrato che esiste un’associazione positiva anche fra il controllo glicemico e la riduzione degli eventi di rischio cardiovascolare considerati “maggiori” (MACE).
I ricercatori hanno arruolato 27.544 individui, registrando gli effetti che un intenso controllo glicemico (in cui l’obiettivo da raggiungere è HbA1c pari o inferiore a 6.5%) aveva su eventi quali mortalità, ictus e infarto non-fatale del miocardio rispetto al tradizionale trattamento per il controllo glicemico (il cui obiettivo è ottenere HbA1c pari o inferiore a 7%) per un periodo di 5.4 anni.
I soggetti destinati al gruppo di intenso controllo glicemico hanno raggiunto in media un livello di HbA1c pari a 6.6% mentre quelli assegnati al gruppo di controllo tradizionale hanno ottenuto HbA1c pari a 7.4%.
I ricercatori hanno quindi notato che un controllo glicemico più intenso non ha ridotto il rischio di ictus o il tasso di mortalità, ma ha ridotto invece il rischio di infarto non-fatale del miocardio del 14%.

 

 
Fonte: Diabetes and Vascular Disease Research, 20 aprile 2010

Potrebbero interessarti

  • 30 aprile 2018L’impatto del diabete in Italia3,27 milioni di persone dichiarano di avere il diabete, ovvero 1 persona su 18 (5,4%) e 1 persona su 6 se consideriamo gli anziani di 65 anni e oltre; 1 milione sono le persone che non sanno di avere il diabete; 4 milioni sono le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete; su 10 persone con diabete, il 40% ha più di 75 anni; 400.000 le persone con diabete che hanno avuto un […] Posted in Italia
  • 20 maggio 2018Nuove terapie anti-colesterolo: gli inibitori della PCSK9Tra le novità degli Standard di Cura per il diabete, Revisione 2018 (le linee guida italiane redatte in maniera congiunta dalle due società scientifiche SID e AMD) ci sono anche gli inibitori della PCSK9, anticorpi monoclonali capaci di inibire la funzione della PCSK9, una proteina che impedisce ai recettori del colesterolo LDL (C-LDL, colesterolo cattivo) di tornare in superficie per […] Posted in Terapia
  • 20 marzo 2018Nefropatia diabetica: complicanza per oltre 1 milione di diabetici italianiAncora troppe complicanze a carico dei reni per chi soffre di diabete: circa il 30 - 40% dei pazienti sviluppa una nefropatia diabetica, che è oggi la principale causa di insufficienza renale cronica nel mondo occidentale. 2 persone con diabete su 10 entrano in dialisi. Se n’è parlato al 3rd AME Diabetes Update 2018, appuntamento che ha riunito numerosi Specialisti Endocrinologi, a […] Posted in Nefropatia