Diabetici: la telemedicina aiuta a migliorare il controllo glicemico

Una revisione dei dati raccolti tra il 1998 e il 2008 dalla letteratura scientifica sulla telemedicina ha permesso a Julia Polisena e colleghi, della Canadian Agency for Drugs and Technologies in Health di Ottawa, di giungere alla conclusione che questa tecnica relativamente recente di servizio sanitario a domicilio è molto utile per i malati di diabete, poiché ha fatto riscontrare un miglioramento del controllo glicemico e un minor numero di ricoveri ospedalieri.
I risultati, pubblicati sul Journal of Diabetes, Obesity and Metabolism, hanno mostrato che rispetto ai trattamenti tradizionali, i diabetici assistiti tramite la telemedicina avevano livelli di emoglobina glicata (hbA1c) inferiori, e il numero di ricoveri ospedalieri risultava più basso per coloro che venivano seguiti da personale specializzato a distanza.
In generale, concludono i ricercatori, la telemedicina ha avuto un impatto positivo sull’utilizzo di numerosi servizi sanitari e sul controllo della glicemia, tuttavia questi risultati devono essere interpretati con cautela poiché sono necessari studi più precisi a livello metodologico per ottenere conferme circa la reale efficacia degli interventi di telemedicina.

 

 

FonteDiabetes Obesity and Metabolism 2009; Advance online publication

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 16 marzo 2017Metformina: confermata terapia di prima linea nel trattamento del diabete tipo 2La metformina rappresenta il golden standard per il trattamento di prima scelta nel diabete di tipo 2 (DT2); quando necessario, la terapia combinata con una o più altre molecole deve iniziare precocemente. Sono alcune delle raccomandazioni inserite in un aggiornato documento sinottico dell’American Diabetes Association (ADA) , pubblicato online su Annals of Internal Medicine, il 14 marzo 2017. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 13 febbraio 2017Le malattie delle unghieLe malattie che interessano comunemente le unghie (o parti di esse) di mani e piedi possono avere molte cause: infezioni, microtraumi, traumi, psoriasi, dermatiti, eczema, deformità, utilizzo di scarpe incongrue, malattie congenite... Posted in Unghie e onicopatie