Gruppo etnico di origine influisce sul profilo lipidico

Una ricerca condotta dal Diabetes Epidemiology: Collaborative Analysis of Diagnostic Criteria in Europe (DECODE) e dal Diabetes Epidemiology: Collaborative Analysis of Diagnostic Criteria in Asia (DECODA) ha fornito nuove prove a supporto dell’ipotesi che per una buona gestione delle patologie cardiovascolari (CVD) servano strategie su misura per i diversi gruppi etnici.
Analizzando campioni di sangue di 52,355 uomini e donne di età compresa tra i 25 e i 74 anni e di 12 diverse nazionalità, i ricercatori hanno suddiviso i soggetti, a seconda del livello di glucosio nel sangue, in quattro categorie: normoglicemici, prediabetici, diabetici non diagnosticati e diabetici diagnosticati. Da questa ricerca è emerso inoltre che i profili lipidici dei partecipanti variavano a seconda della loro nazionalità. Il colesterolo LDL, ad esempio, risultava sempre più basso in soggetti di nazionalità indiana rispetto agli altri gruppi etnici; le persone provenienti dall’Europa del sud avevano livelli di trigliceridi inferiori rispetto alle popolazioni asiatiche e rispetto agli europei del centro e del nord mentre questi ultimi mostravano una tendenza a più alti livelli di colesterolo LDL rispetto a persone di nazionalità asiatica.
I fattori che determinano questa differenza del profilo lipidico potrebbero essere di diversa natura: genetica, ambientale, psicosociale o culturale. Tuttavia imparare a conoscere le peculiarità di profili diversi condizionati dall’appartenenza etnica potrebbe aiutare a sviluppare linee guida su misura per la prevenzione e la cura delle malattie cardiovascolari nei diversi gruppi etnici.

 

 
Fonte: 9 febbraio 2010, Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism

Potrebbero interessarti

  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa