“Prevenzione in rosa”: il 5,2% delle italiane colpite da diabete

In Italia è stato stimato che il 5,2% delle donne sia diabetico e secondo la ”medicina di genere” il sesso della persona influisce sullo stato di salute e sulla percezione della malattia. La prevenzione è decisiva per limitare la diffusione del diabete e per ritardarne la cronicizzazione; con la prevenzione diminuiscono i disagi per i malati e i costi per la sanità. L’efficacia della prevenzione aumenta se viene applicata per genere, in modo da definire più appropriatamente i fattori di rischio, le diagnosi e i trattamenti.
Nella conferenza stampa che si è recentemente tenuta nella Sala Nassiriya del Senato della Repubblica il tema era ”Diabete: donne e domani. Quale prevenzione?”.
La senatrice Laura Bianconi, vice presidente dei senatori del Popolo delle libertà e componente della Commissione Igiene e Sanità ha spiegato che sempre più donne, attualmente, si svolgono contemporaneamente molteplici ruoli nella famiglia, nel lavoro e nella società e spesso non trovano né il tempo né il modo per occuparsi di sé e della propria salute. «L’incidenza del diabete e le sue conseguenze negative di solito non vengono correlate al sesso dei malati. Da qualche tempo si è passati a fare questa distinzione che ha evidenziato una netta prevalenza delle complicazioni connesse a questa patologia nel caso in cui i malati coinvolti siano donne. I dati confermano una peggiore qualità e una minore aspettativa di vita, soprattutto per le donne diabetiche».
La senatrice del Partito Democratico Emanuela Baio spiega che «La ricerca è la vera sfida per il diabete. In Italia a livello diagnostico e terapeutico si ottengono buoni risultati ma è fondamentale investire nella ricerca per riuscire a rintracciare la vera causa dell’insorgenza del diabete, ancora oggi sconosciuta. È una malattia silenziosa a causa della quale in un anno muoiono circa 18.000 persone, e ogni anno il Servizio Sanitario Nazionale spende cinque milioni di euro per far fronte alle complicanze. Il diabete coinvolge indistintamente uomini e donne, ma per queste ultime esiste una specificità maggiore, sia nella procreazione che nella menopausa e questi fattori causano spesso nelle donne diabetiche complicanze molto critiche. Se prevenzione, diagnosi e cura sono essenziali, ancora tanto si può fare per garantire alle donne diabetiche una maggiore attenzione mirata ad aumentare le loro aspettative di vita».

 

 
Fonte: 9 febbraio 2010, asca.it

Potrebbero interessarti

  • 29 aprile 201811th Italian Diabetes & Obesity Barometer ReportPresentato a Roma il 17 aprile 2018, il Rapporto Annuale della Fondazione IBDO fotografa la situazione italiana, con un focus particolare sulle singole regioni, di diabete tipo 2 e obesità (diabesità), due patologie in crescita che molto spesso si associano nella stessa persona, aumentando notevolmente i rischi di ulteriori comorbidità, riduzione della qualità e dell’aspettativa di […] Posted in Italia
  • 28 maggio 2018Eiaculazione precoce: in uno spray predosato, la nuova terapiaL’eiaculazione precoce (EP) è - insieme alla disfunzione erettile - tra le più importanti disfunzioni sessuali maschili. In Italia interessa tra il 20% e il 30% degli uomini (4 milioni di Italiani). Il diabete soprattutto quando mal controllato - così come l’obesità, l’ipertensione, il colesterolo alto, il fumo – può favorire disfunzioni sessuali come l’eiaculazione precoce e il […] Posted in Sfera sessuale
  • 27 marzo 2018Chi è e che cosa fa l’Associazione OSDI?A cura della d.ssa Silvia Maino, Vicepresidente OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), Regione Lombardia. L’Associazione OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani) nasce nel 1989 e ha diverse finalità nell’ambito della prevenzione del diabete e dell’assistenza al paziente con diabete. Posted in Educazione terapeutica e diabete