I benefici del movimento contro il diabete

La sedentarietà e l’alimentazione sbagliata possono compromettere il buon funzionamento dell’organismo, portando al sovrappeso e all’obesità; per tornare in forma o per mantenerla, niente di meglio che movimento e lunghe camminate. ’14.000 passi per combattere il diabete’ è il titolo significativo della manifestazione organizzata dall’Associazione Diabetici di Verona, giunta alla quarta edizione, che ha coinvolto oltre 500 partecipanti; l’evento si è svolto su due percorsi di sei e 12 chilometri e ne è stata testimonial la campionessa olimpionica Sara Simeoni a dimostrazione che «La buona salute si mantiene con uno stile di vita sano e l’attività sportiva».
Gaetano Savino, presidente dell’Associazione Diabetici di Verona, ha spiegato che « Il diabete è una patologia subdola: abbiamo valutato in 50.000 i veronesi che hanno il diabete, soprattutto di tipo 2, senza esserne coscienti. Le malattie causate dallo stile di vita sbagliato, poco movimento e alimentazione poco sana, sono in aumento anche fra i giovani e i giovanissimi: abbiamo organizzato questa manifestazione per sensibilizzare i cittadini sull’importanza di cambiare il proprio stile di vita a cominciare dall’aumento l’attività motoria». Il dottor Carlo Negri, del Dipartimento di Diabetologia dell’Azienda Ospedaliera, a questo proposito ha osservato che «I valori della glicemia di una partecipante da 286, registrati alla partenza, sono scesi all’arrivo a 108; un altro partecipante ha visto scendere i propri valori da 226 a 174 a dimostrazione che il movimento serve quanto i farmaci e che bisogna vincere la pigrizia perché le medicine da sole non bastano se non modifichiamo il nostro stile di vita». Medici specializzandi e infermieri hanno consentito la misurazione della glicemia dei partecipanti prima e dopo lo sforzo.
Alla riuscita dell’evento hanno collaborato Usd Pintemonte Atletica, il Comune di Verona, la Facoltà di Scienze Motorie, l’Azienda Ospedaliera e il Dipartimento Prevenzione.

 

 

 

 

Fonte: 7 giugno 2010, larena.it

Potrebbero interessarti

  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 10 luglio 2017Diabete in Italia: a parità di cure, risultati meno soddisfacenti nelle donnePresentata a Bruxelles, nell’ambito di un’audizione parlamentare sulle differenze di genere in medicina, un’analisi del Gruppo Donna AMD su un campione di oltre 470mila pazienti italiani, svolta da circa un terzo dei Centri diabetologici italiani. Posted in Diabete al femminile
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi