Ipocondria: le donne più degli uomini

Secondo i ricercatori del britannico Office of National Statistics (Ons) le donne sono più ipocondriache, hanno cioè più ansia di ammalarsi, rispetto agli uomini, nonostante  si ammalino di meno e vivano più a lungo. Dopo aver elaborato i risultati degli studi condotti in Inghilterra, Galles, Irlanda del Nord e Scozia i ricercatori hanno concluso che le donne lamentano più o meno gravi problemi di salute più frequentemente rispetto agli uomini anche se la loro probabilità di morire entro i cinque anni successivi è molto inferiore. Sono state studiate persone dai 35 ai 74 anni confrontando le percezioni del proprio stato di salute nel 2001 e la mortalità del campione censito dal 2001 al 2006: la conclusione è stata che le donne manifestano maggiore consapevolezza del loro stato di salute rispetto agli uomini.
Secondo Steve Field, presidente del Royal College of General Practitioners questa maggiore consapevolezza potrebbe essere ‘usata’ per spingere gli uomini a segnalare i loro problemi di salute appena insorgono. A questo proposito, Peter Baker, Chief Executive del Men’s Healt Forum, sottolinea sul sito on-line della Bbc che questo studio conferma quelli passati che avevano dimostrato che la preoccupante tendenza degli uomini a trascurare i sintomi ha portato a diagnosi di cancro o diabete più tardive rispetto a quelle delle donne. Con le conseguenti maggiori difficoltà a combattere una malattia già in fase avanzata; ed è per questa ragione che il 40% degli uomini muore prima dei 75 anni.

 

 
Fonte: 29 marzo 2010, adnkronos.it

Potrebbero interessarti

  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia
  • 23 ottobre 2016Il diabete di tipo 1 in ItaliaSono 18mila, secondo i dati della Siedp, i bambini e gli adolescenti colpiti in Italia dal diabete tipo 1, la forma più grave della malattia che richiede la somministrazione dell’insulina, attraverso iniezioni da quattro a sei volte al giorno oppure l’impiego del microinfusore. Posted in Diabete di tipo 1
  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga