La diagnosi di celiachia. Perché è meglio precoce

Non è mai troppo presto per scoprire di essere celiaci, così come non è mai troppo presto per diagnosticare un diabete.

Una diagnosi precoce, seguita dalla tempestiva eliminazione di ogni traccia di glutine dalla dieta può evitare complicazioni anche serie e talvolta anche invalidanti. La celiachia, infatti, se non controllata adeguatamente può portare allo sviluppo di altre malattie, in particolare di: osteoporosi, derivante da uno scarso assorbimento del calcio; aborto e malformazioni congenite, dato che nel corso di una gravidanza, l’apporto di sostanze nutritive è particolarmente cruciale per la buona salute del feto; bassa statura, soprattutto quando la celiachia si sviluppa nell’età infantile e quindi non permette un adeguato assorbimento dei nutrienti necessari alla crescita; convulsioni o attacchi epilettici, derivati da calcificazioni che si formano nel cervello in seguito a una carenza di acido folico per scarso assorbimento, linfoma e adenocarcinoma, forme di cancro intestinale.

Le persone celiache hanno anche un maggior rischio di sviluppare altre condizioni e malattie autoimmuni, oltre al diabete di tipo 1, per esempio: tiroidite autoimmune, dermatite erpetiforme, lupus sistemico eritematoso, artrite reumatoide, malattie del fegato, malattie vascolari, la sindrome di Sjögren e altre.
Alcuni esami di laboratorio (anticorpi antigliadina, antiendomisio e antitransglutaminasi) possono rafforzare il sospetto diagnostico di celiachia, ma solo la documentazione di anomalie della mucosa enterica (atrofia totale o parziale dei villi, prelevati mediante una biopsia eseguita durante una gastroscopia), può consentire una diagnosi certa di malattia celiaca.
La biopsia si esegue inserendo un tubo lungo e sottile attraverso la bocca, l’esofago e lo stomaco, fino all’intestino , dove viene prelevata una piccola porzione di tessuto intestinale per individuare un eventuale danno della mucosa. Con la biopsia si può controllare se i villi intestinali sono completamente scomparsi (atrofia totale) o più o meno appiattiti (atrofia parziale).

 

 

Fonti

Associazione Italiana Celiachia (AIC) »
– Elenberg Y, Shaoul R – The role of infant nutrition in the prevention of future disease. Front Pediatr 2014 Jul 21;2:73
– Lauret E, Rodrigo L – Celiac disease and autoimmune-associated conditions. Biomed Res Int 2013;2013:127589
– Gujral N et al – Celiac disease: prevalence, diagnosis, pathogenesis and treatment. World J Gastroenterol 2012 Nov 14;18(42):6036-59
– Kupfer SS, Jabri B – Pathophysiology of celiac disease. Gastrointest Endosc Clin N Am. 2012 Oct;22(4):639-60

 

Potrebbero interessarti

  • 17 marzo 2017Menopausa, osteoporosi, malattie della tiroide e diabete al femminileMenopausa, osteoporosi, ipotiroidismo, ipertiroidismo: malattie di grande impatto che prediligono il genere femminile e anche il diabete - che in realtà si distribuisce equamente tra i generi, aumenta nella donna in menopausa il rischio di coronaropatie del 40% dei casi rispetto alla controparte maschile. Posted in Diabete e osteoporosi, Diabete al femminile
  • 20 marzo 2017Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!Mangiare senza glutine sta diventando di moda anche tra chi non ne ha bisogno. Questo comportamento potrebbe risultare non salutare nel lungo periodo, in particolare per chi è a rischio o soffre già di diabete di tipo 2. Posted in A tavola con il diabete
  • 26 aprile 2017Che cosa sono i trigliceridi?I trigliceridi sono i grassi più diffusi, costituiscono il 90% dei grassi presenti negli alimenti e sono i principali componenti del tessuto adiposo (quelli che si depositano nei famosi cuscinetti!) e che formano il grasso viscerale intorno alla vita, il più pericoloso per la salute di cuore, vasi, cervello e rene. Posted in Grassi