Le fonti nascoste di sale

Lo sapevi che il pane è la principale fonte di sale?

  • Sembra strano ma è proprio così, tra i prodotti trasformati rappresenta principale fonte di sale della nostra alimentazione, insieme ai vari prodotti da forno (biscotti, crackers, grissini ma anche merendine, cornetti e cereali da prima colazione). Infatti, i derivati dei cereali sono una fonte importante di sale, perché li consumiamo tutti i giorni e in quantità più elevate rispetto, per esempio agli insaccati, ai formaggi, al pesce in scatole e perfino alle patatine fritte che in assoluto contengono maggiori quantità di sale ma che non sono consumati tutti i giorni.
  • Anche alcuni condimenti, utilizzati in sostituzione o in aggiunta al sale sono ricchi di sodio. E’ il caso per esempio del dado da brodo (anche come granulato), del ketchup e della salsa di soia. E’ quindi consigliabile moderare l’uso di questi condimenti.
  • Tenuto conto delle correlazioni esistenti tra il consumo di sale e l’insorgenza di ipertensione, consumo di grassi e malattie cardiovascolari, è consigliabile aumentare sulla tavola l’utilizzo delle erbe aromatiche.
  • Occorre invece maggiore prudenza per l’uso delle spezie che per alcuni possono essere più irritanti: pepe nero, semi di senape, noce moscata, paprika, cannella, chiodi garofano, curcuma, zafferano, zenzero.

 

Tabella 1 – LE FONTI “NASCOSTE” DI SALE
Alimenti Peso dell’unità di misura
Contenuto per unità di misura
Sodio Sale
 g g g
Pane

Pane sciapo

50 (1 fetta media)

50 (1 fetta media)

0,15

tracce*

0,4

tracce

Biscotti dolci 20 (2-4 biscotti) 0,04 0,1
Cornetto semplice 40 (1 unità) 0,16* 0,4
Merendina tipo pan di Spagna 35 (1 unità) 0,12* 0,3
Cereali da prima colazione 30 (4 cucchiai da tavola) 0,33* 0,8

 Fonte: Linee Guida per Una Sana Alimentazione, INRAN 2003, www.inran.it

 

Tabella 2 – ALIMENTI CONSERVATI E TRASFORMATI RICCHI DI SALE
Alimenti Peso dell’unità di misura
Contenuto per unità di misura
Sodio Sale
 g g g
Olive da tavola conservate 35 (5 olive) 0,46* 1,1
Verdure sott’aceto 60 (3 cucchiai da tavola) 0,48* 1,2
Prosciutto crudo (dolce) 50 (3-4 fette medie) 1,29 3,2
Prosciutto cotto 50 (3-4 fette medie) 0,36 0,9
Salame Milano 50 (8-10 fette medie) 0,75 1,9
Mozzarella di mucca 100 (porzione) 0,20 0,5
Provolone 50 (porzione) 0,34 0,9
Formaggino 22 (1 unità) 0,22* 0,6
Parmigiano grattugiato 10 (1 cucchiaio da tavola) 0,06 0,2
Tonno sott’olio (sgocciolato)

Tonno sott’olio a bassa percentuale di sale (sgocciolato)

52 (1 scatoletta)

52 (1 scatoletta)

0,16

0,05*

0,4

0,1

Patatine in sacchetto

Patatine in sacchetto a tenore ridotto di sale

25 (1 confezione)

25 (1 confezione)

0,27

0,09*

0,7

0,2

Potrebbero interessarti

  • 6 luglio 2017AGE e glicazione: che cosa sono?Il termine AGE si riferisce a una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi (glicazione avanzata). Si trovano per esempio sulle superfici dorate o abbrustolite di cibi fritti o grigliati, oppure sul pane tostato. Posted in Carboidrati (zuccheri), Nutrizione
  • 10 luglio 2017La salute della bocca non va in vacanzaL’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) propone un vademecum con i suggerimenti utili a far sì che la pausa estiva sia un’occasione per prenderci cura della salute dei nostri denti. Posted in Viaggi e vacanze
  • 23 giugno 2017Ciliegie: seducenti, gustose e… ricche di antiossidantiLe ciliegie forniscono acqua, sali minerali, vitamine e antiossidanti (flavonoidi), utili in una patologia cronica come il diabete di tipo 2. Le ciliegie contengono vitamine sia idrosolubili ( C e gruppo B) sia liposolubili e alcuni carotenoidi, in particolare beta-carotene e livelli più bassi di luteina e zeaxantina. Posted in Fibre, frutta e verdura