Milano, 25 ottobre 2014 – Workshop aperto al pubblico al San Raffaele “I bisogni insoddisfatti delle persone con diabete. I risultati dello studio D.A.W.N. 2”

Sabato 25 ottobre presso IRCCS Ospedale San Raffaele nel corso di un Workshop aperto a tutti, verranno presentati gli ultimi risultati della ricerca internazionale D.A.W.N.2 – Diabetes Attitudes Wishes and Needs, la più grande indagine mai realizzata per raccogliere i desideri, le speranze e le necessità reali delle persone con ildiabete di tipo 2.

Lo studio è stato realizzato da International Diabetes Federation (Idf), International Alliance of Patients’ Organizations (Iapo) e Steno Diabetes Center. Lo studio ha coinvolto 15.000 soggetti tra diabetici, loro familiari e operatori sanitari (medici, infermieri, dietisti), residenti in 17 Paesi – tra i quali l’Italia – di 4 diversi continenti. L’indagine D.A.W.N.2 rappresenta l’indagine più ampia mai svolta allo scopo di fotografare e interpretare il mondo del diabete dal punto di vista della persone che ogni giorno cercano di conviverci, dei familiari e degli operatori sanitari, per fornire un quadro preciso dell’impatto della malattia sulla qualità di vita di tutti i giorni e la relazione tra la persona diabetica e le strutture sanitarie e sociali, pubbliche e private.

Due giorni dopo, lunedì 27 ottobre, a testimonianza del grande impegno del San Raffaele nell’area diabete, l’Ospedale inaugurerà il Nuovo Polo Diabete, 400metri quadri di laboratori completamente dedicati al Diabetes Research Institute (DRI).

Workshop: I BISOGNI INSODDISFATTI DELLE PERSONE CON DIABETE. I RISULTATI DELLO STUDIO D.A.W.N. 2Workshop: “I BISOGNI INSODDISFATTI DELLE PERSONE CON DIABETE.
I RISULTATI DELLO STUDIO D.A.W.N. 2”.

Sabato 25 ottobre 2014, ore 15:00, IRCCS Ospedale San Raffaele
Aula San Raffaele – Via Olgettina 60, Milano

Scarica il programma »

Interverranno
:
Patrizia Pappini Oldrati
Presidente Associazione SOStegno70, insieme ai ragazzi diabetici onlus e Vicepresidente Coordinamento Lombardia Associazioni Diabetici
“Il progetto Diabetes Attitudes Wishes and Needs (D.A.W.N.)”
Maria Luigia Mottes
Presidente Associazione Diabetici della Provincia di Milano onlus e Coordinamento Lombardia Associazioni Diabetici
“Lo studio D.A.W.N.2: Risultati e Call to Action”
Emanuele Bosi
Primario Medicina Generale Indirizzo Diabetologico Endocrinometabolico, IRCCS Ospedale San Raffaele
Professore Associato in Endocrinologia Università Vita-Salute San Raffaele
“Nuove prospettive terapeutiche nella cura del diabete tipo 2″
Giuseppe Chiumello

Direttore Centro di Endocrinologia dell’Infanzia e dell’Adolescenza IRCCS Ospedale San Raffaele
“Innovazione e tecnologia nella cura del diabete tipo 1″
Linda Bergamini

Psicologa e Psicoterapeuta A.O. “Spedali Civili” BS
“Aspetti psicosociali nella gestione della patologia diabete”
Fonti
Diabetes Research Institutes »
Lo studio DAWNSTUDY Diabetes Attitudes Wishes and Needs »
International Diabetes Federation (Idf) »
International Alliance of Patients’ Organizations (Iapo) »
Steno Diabetes Center »

Potrebbero interessarti

  • 19 gennaio 2017Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente. Posted in NEWS - 2017
  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia