Movimento e dieta nella Giornata Mondiale del Diabete

Domenica 14 novembre, in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, è stato lanciato lo slogan ‘Corriamo più veloci del diabete’, un invito a praticare con regolarità un’attività sportiva e a mantenere una dieta equilibrata per prevenire il rischio di diabete. In Italia l’iniziativa è stata promossa da Diabete Italia: si è svolta in 500 piazze delle principali città e ha avuto come testimonial il maratoneta Stefano Baldini, campione olimpico ad Atene nel 2004. Grazie al lavoro di volontari, medici, infermieri, operatori sanitari e associazioni di pazienti, i cittadini hanno avuto informazioni e consigli e hanno potuto effettuare l’esame gratuito della glicemia. In totale sono stati oltre 160 i Paesi coinvolti nella Giornata del Diabete, a sottolineare quanto sia preoccupante l’aumento di questa patologia che fra vent’anni si prevede possa colpire oltre 438milioni di persone, 55milioni in Europa e quasi tre milioni in Italia; grave anche l’aumento (2,5-3% all’anno) del diabete giovanile che colpisce bambini sempre più piccoli. Per arginare questa vera epidemia e prevenire almeno due casi di diabete su tre, serve movimento, alimentazione sana ed evitare il sovrappeso; per evitare la maggior parte delle complicanze in chi è già malato, serve il controllo regolare della glicemia e lo screening clinico periodico. La camminata sportiva, la corsa, il nuoto, la bicicletta sono esercizi fisici aerobici, i più efficaci, e vanno praticati per almeno mezz’ora, tre volte alla settimana ma senza esagerare, senza farsi venire il ‘fiatone’. In questo modo si diminuisce il rischio di malattie cardiache e ictus.

 

 

 

Fonte: 12 novembre, gazzetta.it

Potrebbero interessarti

  • 8 marzo 2017Diabete e alimentazione: un legame imprescindibileRoma, 18-19 Marzo 2017. L’evento è caratterizzato da un importante risvolto pratico, e si propone di migliorare la formazione professionale del team diabetologico, incentivando le competenze specifiche dei professionisti del settore sanitario pubblico e privato. Posted in EVENTI - 2017
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 11 marzo 2017Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessereNon sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere