Movimento e dieta nella Giornata Mondiale del Diabete

Domenica 14 novembre, in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, è stato lanciato lo slogan ‘Corriamo più veloci del diabete’, un invito a praticare con regolarità un’attività sportiva e a mantenere una dieta equilibrata per prevenire il rischio di diabete. In Italia l’iniziativa è stata promossa da Diabete Italia: si è svolta in 500 piazze delle principali città e ha avuto come testimonial il maratoneta Stefano Baldini, campione olimpico ad Atene nel 2004. Grazie al lavoro di volontari, medici, infermieri, operatori sanitari e associazioni di pazienti, i cittadini hanno avuto informazioni e consigli e hanno potuto effettuare l’esame gratuito della glicemia. In totale sono stati oltre 160 i Paesi coinvolti nella Giornata del Diabete, a sottolineare quanto sia preoccupante l’aumento di questa patologia che fra vent’anni si prevede possa colpire oltre 438milioni di persone, 55milioni in Europa e quasi tre milioni in Italia; grave anche l’aumento (2,5-3% all’anno) del diabete giovanile che colpisce bambini sempre più piccoli. Per arginare questa vera epidemia e prevenire almeno due casi di diabete su tre, serve movimento, alimentazione sana ed evitare il sovrappeso; per evitare la maggior parte delle complicanze in chi è già malato, serve il controllo regolare della glicemia e lo screening clinico periodico. La camminata sportiva, la corsa, il nuoto, la bicicletta sono esercizi fisici aerobici, i più efficaci, e vanno praticati per almeno mezz’ora, tre volte alla settimana ma senza esagerare, senza farsi venire il ‘fiatone’. In questo modo si diminuisce il rischio di malattie cardiache e ictus.

 

 

 

Fonte: 12 novembre, gazzetta.it

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 27 novembre 2016Io, il diabete e lo sportFornire a tutti gli interessati uno strumento pratico che contenga cenni di base di fisiologia dello sport, indicazioni su come gestire alimentazione, autocontrollo della glicemia e terapia individuale, nozioni per praticare lo sport in sicurezza, informazioni per richiedere un certificato di idoneità medico-sportiva. Posted in Testimonianze