Muoviti, che ti passa

Braga FabioL’attività fisica e lo sport in generale hanno ormai trovato una precisa costante collocazione nella mia vita e in quella dei soggetti diabetici.
Oltre che socio-culturale, la motivazione che induce i soggetti insulinodipendenti a impegnarsi nello sport è anche psicologica. L’attività motoria, infatti, aumenta il senso di benessere e di sicurezza, riduce i livelli di ansia e di depressione, accresce la fiducia in sé stessi, migliora l’autostima e soprattutto la sensazione di poter convivere con il diabete senza limitarsi nel movimento.

L’attività motoria e lo sport agonistico, con lo stress fisico e psichico che inevitabilmente comportano, richiedono maggiori adattamenti della terapia ipoglicemizzante, della dieta e quindi stimolano nei diabetici motivati la capacità di autocontrollo glicemico, con la conseguente capacità di autogestione della malattia.

 

La costanza meglio insegnarla da piccoli

Nonostante quasi tutti ormai sappiamo che l’attività fisica è salutare per il nostro organismo, oltre il 60% degli adulti è praticamente sedentario. Inoltre, anche se molte persone hanno cominciato con entusiasmo programma di allenamento, la maggior parte di esse non riesce a portarli avanti e perde motivazione lungo il percorso.

Negli anni più recenti, la ricerca scientifica si è concentrata anche su quali potrebbero essere gli incentivi psicologici che potrebbero consentire di sostenere questi iniziali sprazzi di buona volontà per stimolare la motivazione in termini soprattutto di prevenzione delle malattie croniche che affliggono oggi la nostra società. Particolarmente promettenti sembrano essere i programmi di educazione alla salute all’interno della scuola. Al contrario di quanto si pensi, oltre la metà dei ragazzi tra i 12 e i 21 anni non svolge un’attività fisica sufficientemente intensa da generare benefici duraturi sull’organismo. Inoltre, se è vero che i più piccoli sono attivi per loro stessa natura, crescendo spesso tendono a diventare sedentari.

L’educazione fisica scolastica non dovrebbe quindi limitarsi alla pura pratica di esercizi di ginnastica o alla conoscenza dei giochi di squadra ma dovrebbe fornire le basi teoriche per una buona consapevolezza delle corrette abitudini di vita. E dove non arrivasse la scuola, la famiglia rimane un ambito importante dove poter coltivare tali buone abitudini perché si sa che se imparate da piccoli è più difficile perderle più avanti nella vita.

Potrebbero interessarti

  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa
  • 27 aprile 2017Il Diabete giovanile: se ne parlerà il 6 maggio a NovaraObiettivo dell’incontro del 6 maggio è quello di far conoscere, condividere esperienze e saperne di più sul ‘mondo del diabete giovanile’, un tema che interessa sempre più famiglie italiane e che è particolarmente critico sia per il periodo delicato di crescita dell’adolescenza sia per lo stile di vita troppo spesso non adeguato. Posted in Fabio Braga
  • 8 maggio 2017Tai chi: un’attività adatta per contrastare il declino cognitivoPochi atti inspiratori e lenti sono stati sufficienti affinché mi riappropriassi del mio ritmo naturale. Di me stesso… poi a quel punto ho iniziato la forma 108 di Tai Chi. Questa respirazione, appunto denominata respirazione diaframmatica, svolge un’importante azione sul flusso sanguigno, arricchendolo di ossigeno. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere