Nel futuro diabete e obesità, una vera epidemia

Rappresentano già un grave problema di sanità pubblica: il diabete di tipo 2 e l’obesità sono caratterizzati da tassi di incremento che li stanno facendo diventare la più grande epidemia dei tempi moderni.
Una delle patologie con il più alto tasso di crescita è oggi il diabete di tipo 2: è previsto che dagli attuali 300 milioni che si giungerà a 450 milioni di malati nel 2030.
Questi dati sono stati divulgati nel corso del 47° congresso annuale dell’European Association for the Study of Diabetes (Easd) di Lisbona e nell’occasione sono state illustrate le nuove cure: dalla chirurgia all’uso di cellule staminali, dalle alternative alle iniezioni di insulina ai farmaci innovativi per il controllo della glicemia. Il Gruppo Donna, costituito all’interno dell’Amd (Associazione Medici Diabetologi), segnala che la situazione è grave anche in Italia la situazione, con 4 milioni di diabetici di cui le donne costituiscono quasi la metà, con il 46%.

 

 
Fonte 13 settembre 2011, Sanità News

Potrebbero interessarti

  • 2 novembre 2016DT1: Tre riflessioni sul trapianto di pancreas o di isoleNel corso di un recente incontro organizzato da AGD Bologna al Policlinico Sant’Orsola, il 24 ottobre 2016, abbiamo ascoltato l’intervento del Dott. Giacomo Lanzoni, del team del Prof Luca Inverardi e Camillo Ricordi, Diabetes Research Institute, University of Miami. Posted in Ricerca scientifica
  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia