Obesità infantile espone al rischio di infarto

Dale J. Hamilton, capo dei servizi clinici per il diabete del Methodist Hospital di Houston (Usa), ha dichiarato che l’obesità giovanile espone al rischio d’infarto con l’avanzare dell’età; essere grassi da giovani non è solo quindi solo un problema estetico ma è anche un pericolo.
Secondo i medici del Methodist Hospital chi a vent’anni è obeso e diabetico (tipo 2), a quaranta rischia un infarto o un ictus a 40.
Il dottor Hamilton ha dichiarato che un uomo con una circonferenza vita superiore a 101 centimetri o una donna con una di oltre 89 e la pressione sanguigna a 136/88 possono correre gravi rischi: “Pressione e circonferenza vita sono due dei sintomi della ‘sindrome metabolica’ che può portare al diabete di tipo 2; aggiungere un altro sintomo aumenta l’aterosclerosi”. Per queste ragioni e per il preoccupante aumento dell’obesità tra i giovani, gli esperti raccomandano di tenere sotto controllo il proprio peso cambiando, se necessario, il proprio stile di vita.
Il dottor Hamilton ha aggiunto: “Per prevenire grossi problemi in futuro, bisogna affrontare piccoli cambiamenti ogni giorno, da subito”. È necessario seguire una dieta sana non eliminando completamente certi alimenti ma controllandone l’assunzione e non bisogna dimenticare che i sintomi del diabete di tipo 2 si fanno notare solo quando ormai è troppo tardi.

 

 

 

 

Fonte: 2 febbraio 2010, lastampa.it

 

 

Potrebbero interessarti

  • 19 novembre 2016L’approccio multidisciplinare come scelta sostenibile nella gestione del diabeteA Palermo, in occasione del VIII Convegno Nazionale della Fondazione dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), 17-19 novembre 2016, un Simposio dedicato alla cura del diabete come malattia ad alta incidenza epidemiologica e socio-sanitaria. Posted in Italia
  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 23 ottobre 2016Il diabete di tipo 1 in ItaliaSono 18mila, secondo i dati della Siedp, i bambini e gli adolescenti colpiti in Italia dal diabete tipo 1, la forma più grave della malattia che richiede la somministrazione dell’insulina, attraverso iniezioni da quattro a sei volte al giorno oppure l’impiego del microinfusore. Posted in Diabete di tipo 1