Perché sono inefficaci gli antidepressivi per i diabetici

Trattare inizialmente i pazienti con diabete di tipo 2 con farmaci antidepressivi pare sia poco efficace, questa la conclusione dello studio realizzato dal Dipartimento di Psichiatria della Washington University School of Medicine di St. Louis, Missouri (Usa). Sono stati aggregati i dati di due trial allo scopo di determinare gli elementi predittivi di risposta alla somministrazione di farmaci antidepressivi in diabetici adulti, utilizzando marker convenzionali di esito iniziale di trattamento (risposta, miglioramento, remissione parziale o remissione). 387 soggetti trattati con buproprione o sertralina per un periodo massimo di quattro mesi sono stati analizzati. Tra gli elementi candidati a predire un esito scarso della terapia sono stati inclusi: il punteggio iniziale alla Back depression inventory (Bdi), il trattamento ricevuto (sertralina o bupropione) e le complicazioni diabetiche esistenti (eDC). Sui pazienti esaminati l’85,3% (330) avevano soddisfatto i criteri per un miglioramento, il 59,9% (232) per una risposta al trattamento, il 53,5% (207)per una remissione parziale e il 46,3%(179) per una remissione completa. Elementi predittivi indipendenti significativi di scarso esito si sono rivelati l’eDC (nessun miglioramento) o il trattamento con sertralina, l’eDC e un’età giovane (nessuna risposta); o ancora, il trattamento con sertralina, l’eDC e un elevato Bdi (fallimento alla remissione parziale) o la giovane età e un elevato Bdi (fallimento alla remissione completa).
 

 
Fonte: Diabetes Care, 2010;33(3):485-9

Potrebbero interessarti

  • 17 febbraio 2017Disponibile anche in Italia nuova insulina basale long actingDa metà febbraio 2017, è arrivata anche in Italia, in Classe A, glargine [rDNA origin] soluzione iniettabile, 300 U/mL, un’insulina basale di nuova generazione, a più lunga durata, che nasce dall’evoluzione dell’ insulina glargine 100 U/mL, terapia insulinica di riferimento nel trattamento del diabete. Posted in NEWS - 2017
  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie