Prevenire fin da bambini per non morire da giovani adulti

Obesità, intolleranza al glucosio e ipertensione nei bambini sono fattori predittivi di un  rischio di mortalità prematura in età adulta. Un’equipe di ricercatori svedesi ha reclutato 4857 bambini con età media pari a 11.3 anni, misurandone indice di massa corporea (BMI), tolleranza al glucosio, pressione sanguigna e livelli di colesterolo. Dopo un periodo di osservazione durato quasi 24 anni gli studiosi hanno rilevato 559 casi di morte prematura (prima dei 55 anni) di cui 166 provocate da cause endogene, intese come malattie o danni auto-inflitti, come ad esempio intossicazione da abuso di alcol o utilizzo di droghe.
Tra coloro che erano morti prematuramente per altre cause, è emerso che il 57% da piccolo soffriva di ipertensione mentre il 73% aveva una forte intolleranza al glucosio.
Non è stata invece riscontrata alcuna correlazione tra i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna da bambini con una morte prematura in età adulta.
In seguito a questi risultati i ricercatori hanno ribadito la necessità di misure di prevenzione che intervengano già sui bambini per evitare che da adulti si trasformino in potenziali obesi o malati di diabete, mettendo in serio pericolo la propria salute.

 

 
Fonte: 12 febbraio 2010, New England Journal of Medicine

Potrebbero interessarti