Uomini diabetici: alcuni fattori aumentano rischio di disfunzione erettile

Scarso controllo glicemico, sindrome metabolica e dislipidemia aumentano il rischio di disfunzione erettile (ED) negli uomini con diabete di tipo 2. Lo ha affermato un gruppo di ricercatori italiani dopo aver condotto uno studio che ha coinvolto 555 uomini diabetici di età compresa tra i 35 e i 70 anni. Tutti i partecipanti avevano indice di massa corporea pari o superiore a 24 kg/m2 e emoglobina glicata di livello pari o superiore al 6.5%. La presenza di disfunzione erettile è stata misurata utilizzando l’indice internazionale di funzione erettile (IIEF-5) ed è emerso che, nel gruppo di studio, il 9% dei soggetti aveva una lieve disfunzione, l’11.2% una ED da lieve a moderata, il 16.9% ED moderata e il 22.9% aveva una disfunzione erettile severa. La gravità dell’ED risultava inoltre aumentare con l’avanzare dell’età.
I ricercatori hanno quindi accertato che alti livelli di emoglobina glicata, presenza di sindrome metabolica, ipertensione, dislipidemia e anche depressione erano tutti fattori significativamente associati con la presenza di una disfunzione erettile. È stato però riscontrato un effetto protettivo dell’attività fisica, che diminuiva del 10% il rischio di ED negli uomini maggiormente predisposti.

 

 

 

Fonte: 12 febbraio 2010, International Journal of Impotence Research

 

Potrebbero interessarti

  • 28 maggio 2018Eiaculazione precoce: in uno spray predosato, la nuova terapiaL’eiaculazione precoce (EP) è - insieme alla disfunzione erettile - tra le più importanti disfunzioni sessuali maschili. In Italia interessa tra il 20% e il 30% degli uomini (4 milioni di Italiani). Il diabete soprattutto quando mal controllato - così come l’obesità, l’ipertensione, il colesterolo alto, il fumo – può favorire disfunzioni sessuali come l’eiaculazione precoce e il […] Posted in Sfera sessuale
  • 7 maggio 2018RADAR, la nuova app di AMD per contrastare l’inerzia terapeuticaRiservata ai Soci AMD, RADAR analizza le cartelle cliniche informatizzate di ciascun diabetologo e rileva i pazienti con diabete tipo 2 (DT2) che non sono “in regola” su 3 parametri fondamentali: emoglobina glicata (Hb1c superiore al 7%, Indice di Massa Corporeo superiore ai 27 kg/m2 (che esprime una condizione di sovrappeso o obesità) e pressione arteriosa sistolica di 140 mmg/Hg. Posted in Application
  • 13 aprile 2018Diabete: disponibile anche in Italia il nuovo MiniMed™ Mio™ AdvanceDal marzo 2018, è disponibile anche in Italia, per i pazienti diabetici in terapia con microinfusore di insulina, il nuovo MiniMed™ Mio™ Advance, vera innovazione nel panorama dei set d’infusione. Le sue caratteristiche lo rendono semplice, veloce e intuitivo da sostituire ogni 2 o 3 giorni, agevolando la gestione della terapia con microinfusore nella quotidianità. Posted in NEWS - 2018