‘Subito’ un progetto per affrontare precocemente il diabete

Il diabete in Italia ha raggiunto livelli drammatici: i malati hanno superato i quattro milioni e sono in aumento, come è in aumento la spesa che ha superato gli 11 miliardi di euro all’anno, raddoppiata da vent’anni a oggi; ogni anno 75mila diabetici hanno un infarto, 18mila un ictus, a 5mila viene amputato un arto e 18mila muoiono.
Dal congresso dell’European Association for the Study of Diabetes di Stoccolma l’Amd (Associazione Medici Diabetologi) ha lanciato il grande progetto ‘Subito’ volto a migliorare il compenso metabolico il più tempestivamente possibile, fin dall’esordio, per ridurre le complicanze nei successivi cinque anni. Carlo Giorda, vicepresidente dell’Amd sottolinea che «È necessario cambiare atteggiamento, per esempio non si può più tollerare una glicemia di 140/150 ma bisogna curarla subito.
Per un vero cambiamento è necessario il coinvolgimento non solo dei diabetologi ma anche dei medici di medicina generale, degli altri specialisti, delle associazioni di volontariato, delle istituzioni, dell’industria, in un lavoro organico di formazione e di educazione». Il dottor Giorda aggiunge: «L’intervento tempestivo sulla glicemia giova non solo al malato ma anche alle finanze pubbliche; se riuscissimo ad anticipare almeno di cinque anni le cure rigorose, potremmo ridurre di oltre il 40% le complicanze vascolari».

 

 
Fonte: 20 – 24 settembre 2010, easd.org

Potrebbero interessarti

  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga