Trapianto di cellule suine nei diabetici potrebbe sostituire iniezioni di insulina

Nel corso del convegno dell’American Diabetes Association, che avrà luogo nel mese di giugno, verranno presentati i risultati di una sperimentazione su soggetti umani del trapianto di cellule suine che producono insulina.
A condurre la sperimentazione è stato un gruppo di ricercatori della compagnia neozelandese Living Cell Technologies (Lct) che ha dovuto però “trasferirsi” per l’occasione in Russia, dove è stato possibile eseguire gli esperimenti direttamente sugli esseri umani.
I risultati hanno mostrato un buon livello di sicurezza del trattamento e un altro grado di tolleranza da parte dei soggetti coinvolti. Non sono stati riscontrati sintomi di malattie suine in nessuno dei pazienti, 6 su 8 hanno fatto registrare un miglioramento a livello di controllo del diabete mentre due hanno potuto evitare le iniezioni di insulina artificiale rispettivamente per 4 e 32 settimane.
In seguito a questi risultati positivi, che lasciano sperare in futuri sviluppi nell’ambito del trattamento insulinico per i diabetici, ai ricercatori è stato concesso di continuare la sperimentazione in Nuova Zelanda, dove ai pazienti arruolati verrà impiantata una quantità superiore di cellule suine per arrivare a determinare quale sia la dose ideale che possa eventualmente permettere la sospensione, magari anche definitiva, dell’assunzione di insulina artificiale.

 

 
Fonte: 8 aprile 2010, unita.it

Potrebbero interessarti

  • 1 giugno 2017Roma: avviato il programma Cities Changing Diabetes®Come preannunciato nel dicembre 2016, Roma è stata scelta come metropoli del 2017 dal progetto internazionale Cities Changing Diabetes, volto a studiare il legame fra il diabete e la città e a promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia nella città capitolina. Posted in Mondo, Europa
  • 10 luglio 2017Peptide C: che cos’è e che cosa misuraIl C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia. Posted in Capire gli esami
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi