Una proteina forse la causa di obesità e di diabete di tipo 2

La rivista Journal of Neuroscience ha pubblicato una ricerca della Yeshiva University secondo la quale una della cause dell’obesità e del diabete di tipo 2 potrebbe essere una molecola che interagisce con le cellule dell’ipotalamo.
Nei topi di laboratorio obesi e con diabete, che avevano a disposizione cibo in eccesso, i ricercatori americani hanno riscontrato sovrabbondanza della molecola Txnip; nell’articolo pubblicato spiegano: «Il nostro studio dimostra che questa molecola fornisce un link fra la percezione delle sostanze nutritive da parte del cervello e l’aumento di peso e della massa grassa; l’iperglicemia provoca un eccesso di Txnip nell’ipotalamo, che a sua volta contribuisce all’obesità in vari modi, dalla diminuzione del consumo di energia alla riduzione dell’efficienza con cui i grassi vengono bruciati. Questa scoperta può costituire il punto di partenza per nuove terapie perché, bloccando l’eccesso della proteina, si potrebbe prevenire sia l’aumento di peso che l’insorgenza del diabete».
 
Fonte 26 aprile 2011, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 27 aprile 2017Il Diabete giovanile: se ne parlerà il 6 maggio a NovaraObiettivo dell’incontro del 6 maggio è quello di far conoscere, condividere esperienze e saperne di più sul ‘mondo del diabete giovanile’, un tema che interessa sempre più famiglie italiane e che è particolarmente critico sia per il periodo delicato di crescita dell’adolescenza sia per lo stile di vita troppo spesso non adeguato. Posted in Fabio Braga
  • 20 marzo 2017Un peperoncino al giorno…benefici, quantità, usiDagli studi sperimentali di laboratorio e da quelli su volontari emergono benefici interessanti del peperoncino piccante per la prevenzione di molte patologie croniche come l'obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ma anche disturbi gastrointestinali, tumori, dermatopatie e vescica neurologica. Posted in A tavola con il diabete