Cities Changing Diabetes Milano: Action Plan 2022-2025

Cities Changing Diabetes Milano: Action Plan 2022-2025

Presentazione Action Plan Milano 2022-2025

  • Martedì 28 giugno, ore 14:30 – 18:30
  • Sala Alessi, Palazzo Marino, P.za Della Scala, Milano

 

Il diabete urbano nella città metropolitana di Milano

La Lombardia è la regione italiana con il numero più alto in assoluto di persone con diabete: infatti, delle 4 milioni stimate nel nostro Paese circa 550.000 risiedono in Lombardia e 1 su 3 vive a Milano. Attualmente si stima che nell’area metropolitana di Milano vivano quasi 200.000 persone con diabete mellito, con una incidenza di 5,74 casi per 100 residenti ma la sua prevalenza non è distribuita in modo uniforme.
Sono presenti profonde disuguaglianze tra distretti del centro cittadino e quelli periferici, differenze dovute alla struttura demografica e alla composizione socioeconomica della popolazione che ci vive», precisa Livio Luzi, Presidente del Comitato Scientifico di Milano Cities Changing Diabetes, Università degli Studi Milano. «Per questo è necessario valutare l’impatto della pianificazione urbana sulla salute dei cittadini con l’obiettivo di adeguare i servizi sociosanitari allo sviluppo urbanistico»

Per studiare il legame fra il diabete e la città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia, nel 2019, la Città Metropolitana di Milano è entrata a far parte del programma internazionale Cities Changing Diabetes, iniziativa realizzata in partnership tra University College London (UCL) e il danese Steno Diabetes Center.

Ad oggi, in seguito alla mappatura dello stato di salute dei cittadini di Milano i cui dati sono stati pubblicati nell’ATLAS Milano Cities Changing Diabetes nel 2019 e nei suoi aggiornamenti, siamo giunti alla presentazione dell’atto finale del progetto, l’Action Plan 2022-2025, che illustra le diverse azioni da mettere in atto per arrestare lo sviluppo pandemico del diabete tipo 2 e porre la salute dei cittadini al centro dello sviluppo urbano.

L’Action Plan 2022-2025 è stato presentato a Palazzo Marino il 28 giugno alle 14.30, in presenza di Istituzioni, politici e molte Associazioni di pazienti con diabete e con obesità.

Cities Changing Diabetes Milano: Action Plan 2022-2025

Che cosa si può fare per rendere Milano una città più salutare?

«La nostra città ha finalmente sviluppato la chiara idea che si deve puntare allo sviluppo di un ambiente urbano salutare, più attento al benessere», commenta Michele Carruba, Presidente Comitato Esecutivo Milano Cities Changing Diabetes, Università degli Studi Milano. «Oggi abbiamo presentato l’Action Plan 2022-2025 di Milano, realizzato con il contributo di oltre 80 esperti che hanno elaborato proposte concrete in grado di guidare un’azione comune nella sfida al diabete. Abbiamo un grande potenziale e dobbiamo metterlo in atto per combattere le disuguaglianze sul territorio urbano».

Quali sono le azioni strategiche proposte?

«Sono state proposte diverse azioni strategiche che possono favorire lo sviluppo economico e urbanistico del territorio, creando contesti ambientali e sociali in grado di influenzare e modificare i bisogni e gli stili di vita, come la promozione del movimento attivo e della mobilità sostenibile, l’inclusione sociale, il coinvolgimento dei cittadini nei percorsi di salute e benessere e nuove politiche sull’ambiente urbano», aggiunge Lamberto Bertolè, Assessore al Welfare e Salute Comune di Milano. «Siamo fiduciosi di poter invertire la curva di crescita del diabete e di poter azzerare le disuguaglianze sul territorio urbano».

 

Centrare l’assistenza sul bisogno di salute e combattere la sedentarietà

«Garantire la continuità assistenziale, l’integrazione fra gli operatori, ridurre le difficoltà di accesso alle terapie, soprattutto quelle più innovative, rappresentano gli obiettivi di Regione Lombardia per centrare l’assistenza sul bisogno di salute e benessere delle persone con diabete – conclude Letizia Moratti, Vicepresidente e Assessore al Welfare di Regione Lombardia – Sono obiettivi perseguiti con la creazione di una logica di rete che garantisca l’integrazione tra figure professionali diverse e il paziente. Ma sono poi fondamentali anche la diagnosi precoce e la prevenzione. In particolare, per la prevenzione il nemico numero uno è la sedentarietà: le città e le Istituzioni possono fare molto. Per sostenere l’abitudine ad uno stile di vita attivo sono presenti su tutto il territorio regionale iniziative raccomandate: gruppi di cammino, pedibus e il progetto scale per la salute».

 

Il Programma Cities Changing Diabetes

Il programma Cities Changing Diabetes ad oggi coinvolge 41 metropoli di tutto il mondo (tra cui diverse italiane) e si propone di evidenziare il rapporto tra urbanizzazione e diabete tipo 2 e di promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Parlare di urban health e diabete urbano è fondamentale e prioritario: si tratta di una sfida globale, per la quale le città sono chiamate a diventare centri di innovazione nella gestione e nella risposta ai fenomeni epidemiologici in atto.

GUARDA IL PROGRAMMA DELL’EVENTO »

SCARICA E LEGGI L’ACTION PLAN 2022-2025 »

L’Action Plan 2022-2025 è la continuazione della fase di MAP e SHARE sul diabete tipo 2 nell’area della città metropolitana di Milano all’interno del progetto internazionale Cities Changing Diabetes (CCD), dove Milano è inserita in un contesto che vede coinvolte 41 città e metropoli che a livello globale studiano l’impatto dell’urbanizzazione sullo sviluppo di diabete di tipo 2 e obesità.

 

 

LEGGI ANCHE

È nata la nuova rete di milano Cities Changing Diabetes »

Il progetto “Cities Changing Diabetes” arriva a Milano con ambasciatori come Maurizio Damilano (2019) »

Potrebbero interessarti