Colesterolo e glicemia alti possono predire il diabete gestazionale

Secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Epidemiology il diabete gestazionale può essere predetto da fattori di rischio come valori alti di colesterolo e di glucosio nel sangue; secondo lo studio si potrebbe prevenire lo sviluppo della patologia con un adeguato screening. La ricerca, che è parte di una ricerca più vasta sulle malattie coronariche, è stata condotta dal 1985 al 2006 su 1.164 donne senza diabete che nel periodo osservato hanno generato 1.800 bambini; l’8% delle donne ha sviluppato il diabete gestazionale ma quelle che avevano valori metabolici più alti avevano anche un rischio più alto (26%), in particolare quelle in sovrappeso, in confronto alle altre (7%).
Il diabete gestazionale è una patologia tipica della gravidanza, che compare al secondo o terzo mese come intolleranza al glucosio.

 

 

 

Fonte: 13 ottobre, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 5 febbraio 2018La metformina come terapia della PCOSLa Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS) è un disturbo endocrino complesso che colpisce il 5-10% delle donne in età fertile. Rappresenta una delle principali cause di infertilità, legata a un’assenza cronica di ovulazione. Posted in Diabete al femminile
  • 27 marzo 2018Chi è e che cosa fa l’Associazione OSDI?A cura della d.ssa Silvia Maino, Vicepresidente OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), Regione Lombardia. L’Associazione OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani) nasce nel 1989 e ha diverse finalità nell’ambito della prevenzione del diabete e dell’assistenza al paziente con diabete. Posted in Educazione terapeutica e diabete
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018