Creare nei giovani la cultura del movimento

antonio-rossiÈ l’impegno espresso da Antonio Rossi, campione olimpionico, mondiale ed europeo di Canoa Kayak, e oggi assessore allo Sport e alle Politiche per i giovani della Regione Lombardia, intervenuto alla IV Sessione dei lavori “Diabete e stili di vita; la prevenzione primaria della malattia” nell’ambito del convegno “Qualità delle cure nel diabete in Regione Lombardia” che si è svolto a Palazzo Pirelli nella giornata del 24 marzo.

 

 

“Il movimento è vitale e praticare esercizio fisico regolare è importante anche per contrastare il diabete. Pensiamo che in Italia solo il 30% delle persone si muove in modo attivo e costante.” ha esordito Antonio Rossi sottolineando quanto il diabete in generale, e in particolare il diabete di tipo 2, rappresenti una patologia strettamente correlata con lo stile di vita e, in particolare, con l’alimentazione e il movimento, che rappresentano i primi veri strumenti che ognuno ha a disposizione per prevenirlo. Un’alimentazione scorretta, associata ad una vita sedentaria sin da piccoli può determinare, crescendo, diverse patologie croniche come obesità, malattie cardiovascolari, tumori, ipertensione e malattie del metabolismo, come il diabete. Possiamo fare molto per sradicare queste cattive abitudini, sia a scuola che in ambito familiare.

 

L’attività fisica contrasta il diabete e favorisce una buona qualità di vita
“La pratica regolare di un’attività fisica o sportiva va favorita – ha sottolineato Rossi – in quanto concorre in modo netto ed evidente a ridurre il rischio di sviluppo del diabete ed è una parte integrante del trattamento del diabete di tipo 2, a cui occorre aderire con regolarità. Le numerose storie di atleti diabetici – e sono davvero tante – che praticano sport agonistico dimostrano inoltre – ha continuato l’assessore – che una persona con diabete non solo può svolgere una regolare attività sportiva ma può, addirittura, competere e partecipare a gare di alto livello. Questi esempi devono essere di stimolo ai tanti bambini e ragazzi che convivono con il diabete e anche ai loro genitori affinché si rendano conto che possono condurre una vita normale, vissuta spesso con molta più grinta, perché ci si abitua a lottare, giorno per giorno.”

 

L’impegno per insegnare la cultura di un sano stile di vita attraverso lo sport
“Appurato dunque che lo sport e l’attività fisica in generale sono fattori fondamentali anche per la prevenzione deldiabete, insieme a una corretta alimentazione” – ha concluso l’assessore Antonio Rossi – “ritengo che per contrastare la diffusione di questa patologia, che spesso si associa anche a sovrappeso e obesità, sia determinante creare cultura sin da piccoli e giovanissimi, nella scuola e nei circoli sportivi,  per contribuire a diffondere l’educazione ai corretti stili di vita attraverso lo sport, l’alimentazione e i comportamenti sani “. Perché non ci stancherà mai di ripeterlo, le buone abitudini si imparano da piccoli.

 

 

Fonte
Cartella stampa: Lombardia Diabetes Barometer Workshop “Qualità delle cure nel diabete in Regione Lombardia”. Milano, martedì 24 marzo, 2015, Palazzo Pirelli, sala Pirelli

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 29 aprile 201811th Italian Diabetes & Obesity Barometer ReportPresentato a Roma il 17 aprile 2018, il Rapporto Annuale della Fondazione IBDO fotografa la situazione italiana, con un focus particolare sulle singole regioni, di diabete tipo 2 e obesità (diabesità), due patologie in crescita che molto spesso si associano nella stessa persona, aumentando notevolmente i rischi di ulteriori comorbidità, riduzione della qualità e dell’aspettativa di […] Posted in Italia
  • 30 aprile 2018L’impatto del diabete in Italia3,27 milioni di persone dichiarano di avere il diabete, ovvero 1 persona su 18 (5,4%) e 1 persona su 6 se consideriamo gli anziani di 65 anni e oltre; 1 milione sono le persone che non sanno di avere il diabete; 4 milioni sono le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete; su 10 persone con diabete, il 40% ha più di 75 anni; 400.000 le persone con diabete che hanno avuto un […] Posted in Italia