Dai muscoli un aiuto sul controllo dei grassi

L’accumulo di grassi introdotti nell’organismo attraverso l’alimentazione espone al rischio di malattie cardiovascolari e al diabete di tipo 2: la rivista Nature ha pubblicato la ricerca dell’università svedese Karolinska Institutet che è arrivata alla conclusione che si potrebbe curare l’accumulo patologico dei grassi studiando il ruolo delle cellule muscolari nella regolazione dell’assorbimento dei grassi.
I ricercatori hanno identificato negli animali su cui sono stati effettuati gli studi il meccanismo che regola l’assorbimento da parte dei muscoli, cuore compreso, e dei vasi sanguigni degli acidi grassi contenuti in alimenti come pesce, carne latticini. Per attivare il metabolismo dei muscoli è necessario che le cellule delle pareti vascolari trasportino gli acidi grassi ma finora la funzione dei vasi sanguigni nella gestione degli acidi grassi è rimastra quasi inesplorata.
Gli studiosi hanno osservato che i livelli della proteina VEGF-B (che trasmette i segnali dai muscoli ai vasi sanguigni) sono coinvolti nel processo di regolazione del contenuto mitocondriale e i livelli energetici dei muscoli.
Il professor Ulf Eriksson, che ha guidato la ricerca ha dichiarato: «I topi cui mancava dalle pareti dei vasi sanguigni la proteina VEGF-B o i suoi recettori, avevano un assorbimento inferiore di grassi nei muscoli e nel cuore, e un minor accumulo di grassi nei diversi tessuti. Abbiamo scoperto anche che il grasso residuo si era accumulato nel tessuto adiposo bianco, provocando un lieve aumento di peso». Inoltre, ed è un dato importante per il rischio di malattie legate all’insulino-resistenza come il diabete di tipo 2 e altre malattie legate al metabolismo, si è registrato un maggiore assorbimento di zuccheri nel sangue nei topi privi della proteina VEGF-B, che quindi avevano un minore assorbimento di grassi nei muscoli. La massa a punto di nuovi trattamenti per regolare le funzioni di queste proteine nel controllo dei grassi e dei livelli di glucosio nel sangue, è lo scopo dello studio di questi meccanismi.

 

 

 

 

Fonte: 17 marzo 2010, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 20 maggio 2018Nuove terapie anti-colesterolo: gli inibitori della PCSK9Tra le novità degli Standard di Cura per il diabete, Revisione 2018 (le linee guida italiane redatte in maniera congiunta dalle due società scientifiche SID e AMD) ci sono anche gli inibitori della PCSK9, anticorpi monoclonali capaci di inibire la funzione della PCSK9, una proteina che impedisce ai recettori del colesterolo LDL (C-LDL, colesterolo cattivo) di tornare in superficie per […] Posted in Terapia
  • 4 aprile 2018Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?La nefropatia che può manifestarsi nelle persone con diabete ma anche in chi soffre di ipertensione arteriosa è una condizione di insufficienza renale cronica. Una corretta alimentazione, con un particolare controllo sull’assunzione delle proteine (il cui metabolismo viene alterato in caso di nefropatia diabetica) può aiutare a proteggere i reni nei soggetti predisposti. Posted in Nefropatia, Nutrizione
  • 28 aprile 2018Potenziale effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 e tumore al senoLa metformina rappresenta la terapia farmacologica di prima scelta nel diabete di tipo 2, da sola o in associazione ad altri antidiabetici, quando le modifiche dello stile di vita (alimentazione ed attività fisica in primis) non siano sufficienti. Oltre all’azione ipoglicemizzante, alla metformina sono state attribuite e documentate numerose altre attività come il miglioramento […] Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali