Giocare d’anticipo

La prima cosa importante da considerare è che avere il diabete non vuol dire necessariamente che si manifesteranno complicanze. Autorevoli ricerche scientifiche hanno infatti stabilito che migliore è il controllo del livello di glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze diabetiche.

Ampi studi clinici, americani ed inglesi, condotti negli ultimi anni su pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 hanno confermato che ogni piccolo miglioramento nel controllo della glicemia concorre a ridurre il rischio di complicazioni. Questi risultati offrono un’importante motivazione a ciascun diabetico per continuare ad impegnarsi nel controllo ottimale del proprio diabete, anche quando si è tentati di lasciare che la malattia segua il suo corso.
Molto dipende da te, per questo è importante informarsi in modo adeguato, mai come in questo caso: “sapere è salute”. Se il tuo diabete viene curato bene, mantenendo la glicemia costantemente nell’ambito dei valori normali, curando l’alimentazione e praticando una moderata attività fisica, puoi svolgere una vita normale e mantenerti in buona salute, senza che compaiano complicanze diabetiche o rallentando, anche in modo notevole, quelle già esistenti.

 

Tieni presente che spesso le complicanze NON si manifestano precocemente e con sintomi evidenti, ma possono progredire nel tempo in modo subdolo, senza dare alcun segno di sé, per questo è importante pianificare con il proprio medico visite ed esami di controllo regolari.
Farli è fondamentale per la tua salute futura.

Numerosi studi hanno documentato che vi è una sensibilità genetica (predisposizione costituzionale) allo sviluppo di complicanze e su questa interagiscono fattori personali ed ambientali. A proposito di questi ultimi, non si sottolinea mai abbastanza la comprovata influenza dei seguenti fattori:

  • fumo
  • ipertensione arteriosa
  • sovrappeso/obesità

che rappresentano già di per sé, a prescindere dalla malattia diabetica, fattori di rischio cardiovascolare. In un soggetto diabetico, la loro importanza è ancora superiore, in quanto gli effetti negativi concorrono assieme allo sviluppo delle complicanze.
Molti dei numerosi problemi indotti nel tempo dal diabete, se non viene ben controllato, sono da imputare alle alterazioni della parete dei vasi sanguigni che possono interessare sia i vasi di grosso calibro (coronarie, carotidi, aorta, etc) sia i piccoli vasi periferici (capillari).

 

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2018Nefropatia diabetica: complicanza per oltre 1 milione di diabetici italianiAncora troppe complicanze a carico dei reni per chi soffre di diabete: circa il 30 - 40% dei pazienti sviluppa una nefropatia diabetica, che è oggi la principale causa di insufficienza renale cronica nel mondo occidentale. 2 persone con diabete su 10 entrano in dialisi. Se n’è parlato al 3rd AME Diabetes Update 2018, appuntamento che ha riunito numerosi Specialisti Endocrinologi, a […] Posted in Nefropatia
  • 18 aprile 2018Obiettivi e modello dell’ Educazione Terapeutica del paziente con diabeteA cura della d.ssa Silvia Maino, Vicepresidente OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), Regione Lombardia. L'Educazione Terapeutica è un processo condiviso sin dall’inizio con il paziente che ha il diabete, e può essere erogata a livello individuale o in gruppo. L’Educazione Terapeutica ha obiettivi ben precisi ed è parte integrante del processo di assistenza […] Posted in Educazione terapeutica e diabete
  • 3 aprile 2018Piede diabetico: a rischio tutte le forme di diabete?Entrambe le forme di diabete, sia diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2, quindi possono andare incontro ad ulcerazioni tipiche del piede diabetico, anche se con una genesi del danno diversa. Per questo l’esame dei piedi deve essere attento e scrupoloso in entrambe le forme di diabete. Posted in Piede diabetico