Gli antiossidanti possono aumentare il rischio di diabete di tipo 2

Agiscono contro l’invecchiamento cellulare, ma possono interferire con le molecole protettive Ros. Gli antiossidanti li conoscono ormai tutti, ce ne sono di diversi tipi e per diverse esigenze. Tuttavia, a quanto pare non sono indicati per chi soffre di diabete o è a rischio diabete.
Lo sostengono ricercatori australiani della Monash University che hanno scoperto come le molecole ROS (Reactive Oxygen Species) possano svolgere un ruolo protettivo nelle prime fasi del diabete di tipo 2, rafforzando l’azione dell’insulina. Ma, allo stesso tempo, hanno scoperto che gli antiossidanti potrebbero invece contrastare l’azione delle Ros.
Il prof. Tony Tiganis e colleghi, hanno condotto uno studio sui topi rilevando come alti livelli di Ros possano prevenire l’insorgenza dell’insulino-resistenza e del diabete indotto da una dieta ad alto contenuto di grassi. Tuttavia, quando i topi hanno ricevuto gli antiossidanti il miglioramento avuto nella risposta insulinica è andato perduto e questi sono diventati diabetici.
In controtendenza, gli scienziati della Monash commentano i risultati dicendo che questi vanno contro l’opinione diffusa che le Ros sono sempre e comunque dannose mentre gli antiossidanti sono sempre benefici. In questo caso, invece, «abbiamo dimostrato che le Ros, come il perossido d’idrogeno, sono importanti per la funzione delle cellule normali e che la loro presenza nei muscoli migliora l’azione dell’insulina e favorisce bassi livelli di zuccheri nel sangue» prosegue Tiganis.
Quello che c’è ancora da chiarire, sottolineano poi i ricercatori, è il fatto che l’azione delle Ros sia positiva nelle fasi iniziali del diabete di tipo 2 e diventi negativa nelle fasi successive della malattia. Per questo stanno approfondendo gli studi.
Al momento attuale, il miglior modo per beneficiare di una fonte naturale delle Ros è quello di seguire un’alimentazione corretta e fare esercizio fisico che da soli promuovono l’azione dell’insulina.

 

 

 

Fonte: 12 ottobre, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 4 aprile 2018Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?La nefropatia che può manifestarsi nelle persone con diabete ma anche in chi soffre di ipertensione arteriosa è una condizione di insufficienza renale cronica. Una corretta alimentazione, con un particolare controllo sull’assunzione delle proteine (il cui metabolismo viene alterato in caso di nefropatia diabetica) può aiutare a proteggere i reni nei soggetti predisposti. Posted in Nefropatia, Nutrizione
  • 28 aprile 2018Potenziale effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 e tumore al senoLa metformina rappresenta la terapia farmacologica di prima scelta nel diabete di tipo 2, da sola o in associazione ad altri antidiabetici, quando le modifiche dello stile di vita (alimentazione ed attività fisica in primis) non siano sufficienti. Oltre all’azione ipoglicemizzante, alla metformina sono state attribuite e documentate numerose altre attività come il miglioramento […] Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali