Identificati i fattori di rischio per disfunzione diastolica in pazienti diabetici

L’inattività fisica e il livello di glucosio nel sangue possono predire il rischio di disfunzione diastolica asintomatica, una patologia che interessa con maggior frequenza i pazienti appartenenti a minoranze etniche che sono stati di recente diagnosticati diabetici di tipo 2.
I ricercatori del Rush University Medical Center di Chicago hanno arruolato 126 pazienti con età media pari a 45 anni a cui era stato di recente diagnosticato il diabete di tipo 2 per stabilire la prevalenza della disfunzione diastolica e dei suoi fattori predittivi.
Il campione era composto per il 31% da Afro-Americani, per il 46% da Ispanici e per il 23% da persone appartenenti ad altri gruppi etnici. Il 60% dei partecipanti era obeso, il 50% dichiarava di non fare alcuna attività fisica mentre tutti soffrivano di sindrome metabolica (con tre o più sintomi relativi a questa patologia, tra cui ipertensione, iperglicemia, obesità addominale, trigliceridi alti e basso livello di lipoproteina ad alta densità). I ricercatori hanno riscontrato la presenza della disfunzione diastolica nel 51% dei soggetti osservati, associando inoltre l’inattività fisica a una precoce insorgenza della patologia e un alto livello di glucosio a un’insorgenza tardiva.

 

 
Fonte: 3 marzo 2010, Diabetes Research and Clinical Practice; Advance online publication

Potrebbero interessarti

  • 13 aprile 2018Diabete: disponibile anche in Italia il nuovo MiniMed™ Mio™ AdvanceDal marzo 2018, è disponibile anche in Italia, per i pazienti diabetici in terapia con microinfusore di insulina, il nuovo MiniMed™ Mio™ Advance, vera innovazione nel panorama dei set d’infusione. Le sue caratteristiche lo rendono semplice, veloce e intuitivo da sostituire ogni 2 o 3 giorni, agevolando la gestione della terapia con microinfusore nella quotidianità. Posted in NEWS - 2018
  • 27 marzo 2018Il piede diabetico: perché è importante giocare d’anticipoIl diabete, soprattutto se mal controllato, può danneggiare i nervi e i vasi del piede, con conseguente riduzione della sensibilità e aumento del rischio di lesioni e ulcere che portano al piede diabetico, una delle possibili complicanze del diabete. Posted in Piede diabetico
  • 3 aprile 2018Piede diabetico: a rischio tutte le forme di diabete?Entrambe le forme di diabete, sia diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2, quindi possono andare incontro ad ulcerazioni tipiche del piede diabetico, anche se con una genesi del danno diversa. Per questo l’esame dei piedi deve essere attento e scrupoloso in entrambe le forme di diabete. Posted in Piede diabetico