Il glucosio e il suo metabolismo

gluMetab

 

  • È il più semplice degli zuccheri (carboidrati e glucidi).
  • Il nostro organismo lo ricava, attraverso la digestione, a partire da carboidrati complessi come quelli presenti nella pasta, nelle patate, nel riso, nel pane.
  • Perché possa essere utilizzato come fonte energetica sono necessari due ormoni: l’insulina e il glucagone, il cui rilascio è strettamente correlato al livello del glucosio presente nel sangue (glicemia). Quando la glicemia aumenta viene indotta la secrezione di insulina, quando la glicemia si abbassa, viene stimolata la sintesi di glucagone. In questo modo viene raggiunta una situazione di equilibrio tra la quantità di glucosio circolante e l’energia a disposizione.
  • Il glucosio viene immagazzinato come glicogeno nel muscolo e nel fegato (fonte energetica a rapido rilascio) e come acidi grassi che – a loro volta – trasformati in trigliceridi, si accumulano nel tessuto adiposo (fonte energetica a lento rilascio).

Potrebbero interessarti

  • 19 aprile 2018La regola del 15La“regola del 15” rappresenta un sistema di trattamento/correzione dell’ipoglicemia di grado lieve-moderato (ovvero in cui l’individuo è cosciente e in grado di assumere alimenti per bocca) che compare a partire da valori di glicemia inferiori a 70 mg/dl. L’ipoglicemia lieve-moderata può determinare sintomi come: sudorazione fredda e/o con mal di testa, tremore alle mani e alle gambe, […] Posted in Ipoglicemia
  • 28 aprile 2018Potenziale effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 e tumore al senoLa metformina rappresenta la terapia farmacologica di prima scelta nel diabete di tipo 2, da sola o in associazione ad altri antidiabetici, quando le modifiche dello stile di vita (alimentazione ed attività fisica in primis) non siano sufficienti. Oltre all’azione ipoglicemizzante, alla metformina sono state attribuite e documentate numerose altre attività come il miglioramento […] Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 9 giugno 2018Diabete tipo 1: emergenza chetoacidosi. È allarme!Stupisce come in Italia ancora manchi una cultura adeguata che permetta una diagnosi precoce del diabete di tipo 1. Nonostante appelli e campagne educazionali, si fatica ancora a riconoscere immediatamente i segnali premonitori del diabete di tipo 1, peraltro semplici da notare: tanta sete e tanta pipì. Basterebbe di prassi un controllo della glicemia. “È indispensabile creare una […] Posted in Diabete di tipo 1