Maggiori rischi di fratture per i pazienti anziani con diabete di tipo 2

I pazienti anziani con diabete di tipo 2 hanno più probabilità di subire fratture rispetto ai coetanei senza diabete, pur avendo pari o migliore densità minerale ossea: questa la conclusione di una ricerca condotta dall’Università della California. I ricercatori americani hanno esaminato i dati di tre studi di tipo osservazionale sull’incidenza delle fratture fra pazienti anziani, analizzando così i dati 18.000 pazienti anziani. Dei pazienti presi in esame avevano il diabete di tipo 2 circa 800 donne e 1.200 uomini; di queste persone, nel corso dei 12 anni del follow up, 84 donne e 32 uomini hanno subito fratture dell’anca e 262 donne e 133 uomini hanno subito fratture non spinali. Gli studiosi hanno cercato di spiegare perché i pazienti con diabete di tipo 2, pur avendo una densità minerale ossea migliore di quella dei pazienti senza diabete, fossero maggiormente a rischio di fratture ma le conclusioni non sono state unanimi: alcuni studiosi ritengono che la responsabilità vada ricercata nel tipo di terapia farmacologia, altri nella scarsa efficacia che le terapie con calcio, vitamina D e bifosfonati hanno sui pazienti con diabete di tipo 2. Le ricerca è stata pubblicata sulla rivista Journal of the American Medical Association.

 
Fonte Journal of the American Medical Association

Potrebbero interessarti

  • 20 maggio 2018Nuove terapie anti-colesterolo: gli inibitori della PCSK9Tra le novità degli Standard di Cura per il diabete, Revisione 2018 (le linee guida italiane redatte in maniera congiunta dalle due società scientifiche SID e AMD) ci sono anche gli inibitori della PCSK9, anticorpi monoclonali capaci di inibire la funzione della PCSK9, una proteina che impedisce ai recettori del colesterolo LDL (C-LDL, colesterolo cattivo) di tornare in superficie per […] Posted in Terapia
  • 19 maggio 2018Terapia diabete tipo 2: le novità degli Standard di Cura, Revisione 2018Il nuovo algoritmo per il trattamento del diabete tipo 2, proposto negli Standard di cura 2018, vede ancora ben salda in pole position la metformina, farmaco di prima scelta nel trattamento del diabete di tipo 2 in tutti gli stadi e finché possibile. Qualora la monoterapia con metformina non fosse sufficiente a ottenere o mantenere un buon controllo metabolico, è necessario associare […] Posted in Terapia
  • 27 marzo 2018Chi è e che cosa fa l’Associazione OSDI?A cura della d.ssa Silvia Maino, Vicepresidente OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), Regione Lombardia. L’Associazione OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani) nasce nel 1989 e ha diverse finalità nell’ambito della prevenzione del diabete e dell’assistenza al paziente con diabete. Posted in Educazione terapeutica e diabete