Per le coppie il diabete è un fattore di rischio

La rivista britannica online Bmc Medicine ha pubblicato una metanalisi da cui risulta che, se in una coppia uno dei coniugi ha il diabete, per l’altro coniuge aumenta la probabilità di ammalarsi; gli studiosi del McGill University Health Centre di Montréal sono arrivati a questa conclusione cercando di scoprire se i comportamenti a rischio di uno dei componenti della coppia, per esempio le cattive abitudini alimentari, possano essere condivisi in famiglia, e quindi avere conseguenze anche sull’altro coniuge.

Nel corso dello studio sono stati analizzati i dati dei principali database biomedici, relativi a oltre 75mila (75.498) coppie, tratti da studi condotti dal 1997 al 2013, in particolare relativi all’età, alla durata del matrimonio, all’indice di massa corporea e allo stato socioeconomico. Sono stati sottoposti a revisione sistematica sei dei 2.705 studi considerati, e cinque alla metanalisi, ed è risultato che se uno solo dei componenti della coppia è affetto da diabete franco, o da forme di disglicemia classificabili come prediabete, anche per l’altro aumenta il rischio di ammalarsi.
Aaron Leong, primo autore dello studio, spiega: «Quando un medico raccoglie l’anamnesi del paziente, chiede notizie in merito alla famiglia di origine, genitori, zii, fratelli o sorelle, ma i nostri risultati evidenziano che anche la storia coniugale potrebbe essere un fattore da considerare. Le nostre stime suggeriscono che una storia di diabete nel coniuge si associa a un aumento del rischio di diabete per l’altro partner del 26%; la presenza di diabete in uno dei coniugi può però costituire uno strumento di diagnosi precoce, grazie alla maggiore sorveglianza reciproca. Inoltre, è noto che gli uomini sono meno propensi delle donne a consultare il medico, e una compagna diabetica al fianco potrebbe spronarli a controllarsi di più. Conoscere tale rischio potrebbe indurre le coppie a migliorare le abitudini alimentari e ad aumentare l’attività fisica».

Fonte
Leong A, Rahme E, Dasgupta K – Spousal diabetes as a diabetes risk factor: A systematic review and meta-analysis. BMC Med 2014 Jan 24;12(1):12

Potrebbero interessarti

  • 29 aprile 201811th Italian Diabetes & Obesity Barometer ReportPresentato a Roma il 17 aprile 2018, il Rapporto Annuale della Fondazione IBDO fotografa la situazione italiana, con un focus particolare sulle singole regioni, di diabete tipo 2 e obesità (diabesità), due patologie in crescita che molto spesso si associano nella stessa persona, aumentando notevolmente i rischi di ulteriori comorbidità, riduzione della qualità e dell’aspettativa di […] Posted in Italia
  • 9 giugno 2018Diabete tipo 1: emergenza chetoacidosi. È allarme!Stupisce come in Italia ancora manchi una cultura adeguata che permetta una diagnosi precoce del diabete di tipo 1. Nonostante appelli e campagne educazionali, si fatica ancora a riconoscere immediatamente i segnali premonitori del diabete di tipo 1, peraltro semplici da notare: tanta sete e tanta pipì. Basterebbe di prassi un controllo della glicemia. “È indispensabile creare una […] Posted in Diabete di tipo 1
  • 3 aprile 2018Piede diabetico: a rischio tutte le forme di diabete?Entrambe le forme di diabete, sia diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2, quindi possono andare incontro ad ulcerazioni tipiche del piede diabetico, anche se con una genesi del danno diversa. Per questo l’esame dei piedi deve essere attento e scrupoloso in entrambe le forme di diabete. Posted in Piede diabetico