Perché l’emoglobina viene detta “glicata”?

Quando nel sangue si accumula troppo glucosio (iperglicemia), le proteine in circolo tendono a “glicarsi”, cioè a legarsi a una molecola di zucchero,  in modo relativamente stabile; tra queste anche l’emoglobina (Hb) (in particolare il tipo A o HbA, quello più presente), la proteina contenuta nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno ai tessuti ed è responsabile del loro colore rosso (dovuto al ferro contenuto nella molecola).
Maggiore è la percentuale di emoglobina modificata (per questo detta “glicata” o “glicosilata”), più frequenti e gravi sono gli episodi di iperglicemia avvenuti nelle settimane precedenti al test e quindi più scarso è il controllo del diabete.

HbA1c

Una volta che il glucosio si lega all’emoglobina (Hb) di tipo A (la proteina quindi si “glica”), vi rimane per l’intera durata della vita del globulo rosso (circa 120 giorni).
Il nostro organismo di fatto memorizza le tracce che gli zuccheri lasciano.
Maggiore è il livello di zucchero nel sangue, maggiore è la quantità che si lega ai globuli rossi. Misurare la percentuale di emoglobina glicata (HbA1c) in un campione di sangue è quindi importante, in quanto è direttamente proporzionale alla quantità di glucosio con la quale l’emoglobina è venuta in contatto nel corso di un periodo di tempo piuttosto lungo (ultimi 2-3 mesi). Maggiore è il valore dell’emoglobina glicata, più elevato è il rischio di complicanze diabetiche future.

 

Potrebbero interessarti

  • 23 febbraio 2019Tecnologie avanzate e trattamento del diabete. News dal 12° ATTD, 2019Ogni giorno, fino a 50 volte al giorno, chi soffre di diabete, in particolare diabete di tipo 1, deve prendere una serie di decisioni sul monitoraggio del glucosio, l’alimentazione, l’insulina e l’adattamento della terapia. L’autogestione è un impegno quotidiano e costante, che occupa almeno un’ora al giorno. Le tecnologie più innovative possono offrire un valido supporto nel prendere […] Posted in Nuove tecnologie
  • 2 marzo 2019Come vengono utilizzati l’insulina e il glucosio?L'insulina e il glucosio lavorano insieme in tutto l’organismo. In risposta a vari stimoli - ormonali, nervosi e nutrizionali – le cellule beta del pancreas producono l’ormone insulina, che consente di mantenere livelli plasmatici di glucosio (zucchero semplice) utili per il funzionamento ottimale di tutti i tessuti dell’organismo. Posted in Glicemia, insulina e metabolismo, Area interattiva
  • 30 aprile 2019Diabete di tipo 1 (DT1): pubblicati gli Annali AMD 2018Dall’analisi dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) su 28.538 soggetti ADULTI (età media: 47 anni, 54% uomini, 46% donne) con diabete tipo 1 (durata media: 20 anni) afferenti a 222 servizi di diabetologia in tutta Italia emerge che 1 paziente su 2 ha accesso a buoni livelli di cura e solo il 9% dei pazienti è a target per emoglobina glicata, colesterolo, pressione arteriosa e […] Posted in Assistenza e diabete