“Acquolina in bocca”: un rischio per i diabetici

Secondo una ricerca effettuata dalla Duke University Medical Center e pubblicata su Science Signaling, chi reagisce in maniera esagerata ai sapori o agli odori del cibo potrebbe essere affetto dalla forma più diffusa di diabete, cioè quello di tipo 2. La semplice ‘acquolina in bocca’ quindi, potrebbe costituire un segnale della presenza della malattia.
È stata studiata una mutazione del gene che codifica la molecola che aumenta il rischio di diabete di tipo 2, l’anchirina B; questa mutazione avviene quando il sistema nervoso parasimpatico aumenta un modo anormale la secrezione di insulina; il solo avvicinarsi al cibo, l’imminenza quindi di un aumento di glucosio nel sangue, induce il sistema nervoso parasimpatico ad aumentare la produzione di insulina.
Due professori di biologia cellulare, biochimica e neurobiologia dell’Howard Hughes Medical Institute, Vann Bennett e James B. Duke, hanno dichiarato di ritenere che «La risposta del parasimpatico possa essere importante nel diabete di tipo 2»; infatti i test svolti su campioni animali e umani hanno dimostrato che la molecola anchirina B, modificando gli eventi che portano il parasimpatico ad aumentare la produzione di insulina, aumenta i livelli di zucchero nel sangue.

 

 
Fonte: 16 marzo 2010, unita.it

Potrebbero interessarti

  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia