“Acquolina in bocca”: un rischio per i diabetici

Secondo una ricerca effettuata dalla Duke University Medical Center e pubblicata su Science Signaling, chi reagisce in maniera esagerata ai sapori o agli odori del cibo potrebbe essere affetto dalla forma più diffusa di diabete, cioè quello di tipo 2. La semplice ‘acquolina in bocca’ quindi, potrebbe costituire un segnale della presenza della malattia.
È stata studiata una mutazione del gene che codifica la molecola che aumenta il rischio di diabete di tipo 2, l’anchirina B; questa mutazione avviene quando il sistema nervoso parasimpatico aumenta un modo anormale la secrezione di insulina; il solo avvicinarsi al cibo, l’imminenza quindi di un aumento di glucosio nel sangue, induce il sistema nervoso parasimpatico ad aumentare la produzione di insulina.
Due professori di biologia cellulare, biochimica e neurobiologia dell’Howard Hughes Medical Institute, Vann Bennett e James B. Duke, hanno dichiarato di ritenere che «La risposta del parasimpatico possa essere importante nel diabete di tipo 2»; infatti i test svolti su campioni animali e umani hanno dimostrato che la molecola anchirina B, modificando gli eventi che portano il parasimpatico ad aumentare la produzione di insulina, aumenta i livelli di zucchero nel sangue.

 

 
Fonte: 16 marzo 2010, unita.it

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 12 aprile 2017Greendogs – Addestramento cani per diabeticiCon il metodo che utilizzo, anche il cane già integrato in famiglia, può essere addestrato a svolgere un compito di cane di ausilio o supporto per un familiare diabetico (tipo 1) con il quale già esiste un rapporto di affetto e fiducia. Posted in Greendogs, Cani per diabetici