Chirurgia bariatrica: efficacia riconosciuta dall’Idf per il diabete di tipo 2

La rivista The Lancet ha pubblicato la posizione dell’Idf (International Diabetes Federation) su un argomento spesso controverso: la chirurgia bariatrica.
Così l’articolo: “…La chirurgia bariatrica dovrebbe essere considerata in prima istanza nel trattamento dei pazienti diabetici e obesi, al fine di aiutare a limitare le gravi complicanze che possono derivare dal diabete…”. L’Idf ha riunito un gruppo di 20 esperti di tutto il mondo con l’obiettivo di: “…Sviluppare raccomandazioni pratiche per i medici sulla selezione e la gestione dei pazienti, identificare le barriere all’accesso chirurgico, suggerire politiche per la salute che garantiscano un accesso egualitario alla chirurgia, identificare le priorità per la ricerca…”.
Il gruppo è stato coordinato da quattro scienziati che hanno anche scritto l’articolo su Lancet: Paul Zimmet e John Dixon di Melbourne, George Alberti di Londra e Francesco Rubino di New York e Roma. Spiega Francesco Rubino, direttore del Programma di Chirurgia Gastrointestinale Metabolica del New York Presbyterian Hospital e ricercatore presso l’Università Cattolica di Roma: «Il riconoscimento del ruolo della chirurgia da parte dell’International Diabetes Federation è motivato dalla richiesta urgente di un orientamento specialistico a livello mondiale di fronte al crescente uso della chirurgia bariatrica.
L’introduzione della chirurgia come legittima opzione nei protocolli terapeutici del diabete di tipo 2 cambia il modo di concepire la cura di questa malattia. Quando esercizio fisico, dieta e farmaci non sono sufficienti, bisogna valutare accuratamente le caratteristiche del paziente e il suo grado di obesità per verificare se esista indicazione all’intervento; in quel caso è dovere del medico informare il paziente. Finora questo è avvenuto troppo raramente se si considera che meno dell’1% dei pazienti con indicazione chirurgica ha accesso a questo tipo di terapia».
 

 
Fonte 9 luglio 2011, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017