Chirurgia bariatrica: efficacia riconosciuta dall’Idf per il diabete di tipo 2

La rivista The Lancet ha pubblicato la posizione dell’Idf (International Diabetes Federation) su un argomento spesso controverso: la chirurgia bariatrica.
Così l’articolo: “…La chirurgia bariatrica dovrebbe essere considerata in prima istanza nel trattamento dei pazienti diabetici e obesi, al fine di aiutare a limitare le gravi complicanze che possono derivare dal diabete…”. L’Idf ha riunito un gruppo di 20 esperti di tutto il mondo con l’obiettivo di: “…Sviluppare raccomandazioni pratiche per i medici sulla selezione e la gestione dei pazienti, identificare le barriere all’accesso chirurgico, suggerire politiche per la salute che garantiscano un accesso egualitario alla chirurgia, identificare le priorità per la ricerca…”.
Il gruppo è stato coordinato da quattro scienziati che hanno anche scritto l’articolo su Lancet: Paul Zimmet e John Dixon di Melbourne, George Alberti di Londra e Francesco Rubino di New York e Roma. Spiega Francesco Rubino, direttore del Programma di Chirurgia Gastrointestinale Metabolica del New York Presbyterian Hospital e ricercatore presso l’Università Cattolica di Roma: «Il riconoscimento del ruolo della chirurgia da parte dell’International Diabetes Federation è motivato dalla richiesta urgente di un orientamento specialistico a livello mondiale di fronte al crescente uso della chirurgia bariatrica.
L’introduzione della chirurgia come legittima opzione nei protocolli terapeutici del diabete di tipo 2 cambia il modo di concepire la cura di questa malattia. Quando esercizio fisico, dieta e farmaci non sono sufficienti, bisogna valutare accuratamente le caratteristiche del paziente e il suo grado di obesità per verificare se esista indicazione all’intervento; in quel caso è dovere del medico informare il paziente. Finora questo è avvenuto troppo raramente se si considera che meno dell’1% dei pazienti con indicazione chirurgica ha accesso a questo tipo di terapia».
 

 
Fonte 9 luglio 2011, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 19 novembre 2016L’approccio multidisciplinare come scelta sostenibile nella gestione del diabeteA Palermo, in occasione del VIII Convegno Nazionale della Fondazione dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), 17-19 novembre 2016, un Simposio dedicato alla cura del diabete come malattia ad alta incidenza epidemiologica e socio-sanitaria. Posted in Italia
  • 9 novembre 2016Uno sguardo al diabete nel mondoL'inarrestabile incremento numerico dei casi di diabete mellito in tutto il mondo e il dato saliente che emerge da un'analisi geografica delle aree a maggior sviluppo epidemiologico è che il diabete cresce maggiormente in Asia, Oceania ed Africa rispetto all'Europa e al Nord-America. Posted in Mondo, Europa
  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni