Come si fa a mantenere l’HbA1c ≤ 7%?

Per alcune persone non è sempre facile, ma è comunque molto importante cercare di mantenere al di sotto di questa soglia i valori dell’emoglobina glicata.

Il tuo medico ti potrà consigliare se e come modificare il tuo programma di trattamento in modo da aiutarti a raggiungere l’obiettivo dei valori ottimali. Inoltre, ecco qualche consiglio utile per mantenere bassi i livelli dell’HbA1c. Con una buona motivazione, ce la puoi fare anche tu.

 

  • Tieni sotto controllo il tuo peso.
  • Segui il piano alimentare che hai concordato con il tuo medico. 
  • Evita pasti sovrabbondanti e cibi troppo ricchi di zuccheri.
  • Fai regolarmente un’attività fisica che ti piaccia. Se non ti soddisfa quella in corso, cercane un’altra che ti dia maggiore gratificazione.
  • Assumi tutte le medicine che il tuo medico ti ha prescritto. Per qualsiasi dubbio, parlane con lui ed evita iniziative personali sulla terapia.
  • Misura regolarmente la tua glicemia e registrala nel tuo diario.

 

** In conseguenza della standardizzazione internazionale per la misura di HbA1C, a partire dal 2010 le modalità per la refertazione di questo parametro sono cambiate in tutto il mondo e progressivamente tutti i laboratori si stanno adeguando a passare dalla vecchia (DCCT; %) alla nuova unità di misura dell’HbA1C, espressa in mmol/mol. I valori di riferimento indicati sul referto saranno progressivamente solo i seguenti:

 

Hb Glicata (IFCC)

  • Intervallo di riferimento 20 – 38 mmol/mol (questo intervallo può cambiare per ciascun laboratorio)
  • LIVELLO DECISIONALE PER LA DIAGNOSI DI DIABETE 
48 mmol/mol (questo valore potrebbe cambiare per ciascun laboratorio perché è calcolato sulla base dell’intervallo precedente)

Se voleste fare una correlazione con i valori espressi nella vecchia unità di misura (%) vi consigliamo di scaricare questo pdf: aou-careggi.toscana.it/Emoglobina_Glicata.PDF

 

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 29 novembre 2017L’alimentazione della donna diabeticaLe donne con diabete, rispetto agli uomini, presentano una maggiore mortalità, dovuta alle complicanze della malattia. Il rischio di alcune complicanze diabetiche e la gravità delle stesse risulta essere maggiore nella donna. Posted in Nutrizione
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali