Problema globale, problema europeo

Il diabete, in tutte le sue forme, è molto diffuso in quasi tutti i paesi del mondo, in particolare in quelli altamente industrializzati, tra cui l’Italia, ove costituisce una delle più rilevanti e costose malattie sociali della nostra epoca, soprattutto per il suo carattere di malattia cronica e la tendenza a determinare complicazioni nel lungo termine.
Il diabete è tuttavia solo un aspetto, anche se spesso il più grave, della cosiddetta “sindrome metabolica”, cui vanno riferite anche l’obesità (diabesità), le dislipidemie e l’ipertensione arteriosa: in altre parole i principali fattori di rischio responsabili dell’aterosclerosi e delle patologie cardiovascolari ad essa secondarie, problema sanitario di primaria importanza e gravità anche in Italia.

 

Il diabete nel mondo

Dati recenti dell’International Diabetes Federation (IDF) mostrano che circa l’8.3%  della popolazione mondiale adulta – 382 milioni di persone – hanno il diabete, in una delle sue forme e tale numero è destinato ad aumentare oltre i 592 milioni di persone in meno di 25 anni. Inoltre, si stima che siano 175 milioni i casi di diabete non diagnosticati e che quindi rischiano di avere una progressione silente delle complicanze diabetiche senza esserne consapevoli.

Numero di persone con diabete - diabete.com

 

Il diabete in Europa

In Europa si stimano circa 56.300.000 persone adulte con diabete (20-79 anni, 8.5% della popolazione adulta), con una stima di crescita a circa 69 milioni entro il 2035 (IDF, 2013) mentre sono circa 60.6 milioni le persone con ridotta tolleranza al glucosio (IGT, dall’inglese: impaired glucose tolerance).

Una morte su dieci nei Paesi Europei può essere attribuita al diabete: 619.000 nel 2013 (329.000 donne, 289.000 uomini). La maggior parte in soggetti di oltre 50 anni di età.

La Turchia è il Paese europeo con la più alta prevalenza del diabete (14.8%) seguita da: Montenegro (10.1%), Macedonia (10%), Serbia (9.9%), Bosnia ed Herzegovina (9.7%).
La Federazione Russa detiene il primato per il  maggior numero di persone con diabete (10.9 milioni) seguita da Germania, Spagna, Italia, Francia e Regno Unito (UK).

L’età rappresenta un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2. Nei vari Paesi Europei, il 37% della popolazione ha oltre 50 anni di età ed è previsto un aumento di oltre il 44% entro il 2035.
L’Europa ha il più alto numero di bambini con diabete di tipo 1 (circa 129.300) e la più alta incidenza di nuovi casi infantili ogni anno (circa 20.000) rispetto a tutti gli altri paesi del mondo osservati dalla International Diabetes Federation (IDF) soprattutto in UK, Federazione Russa e la Germania.

Nel 2013, l’IDF ha stimato una spesa sanitaria totale di 147.2 miliardi di dollari USA per l’Europa con notevoli variazioni di spesa tra un Paese e l’altro.

 

Fonti

– Italian Changing Diabetes Barometer Project Statement. Associazione Diabete Italia – Aprile 2010

“Facts and figures about the diabetes in Italy” – Consorzio Mario Negri Sud

Rapporto Diabetes Atlas 2013 dell’International Diabetes Federation (IDF), 6° edizione

Italian Barometer Diabetes Report, 2013

Potrebbero interessarti

  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie