Il pompelmo contro il diabete e l’obesità

Contro il diabete e l’obesità potrebbe essere utile il pompelmo grazie alla naringenina, un antiossidante che avrebbe la stessa efficacia dei farmaci di sintesi normalmente somministrati ai pazienti con diabete di tipo 2 (Fenofibrato e Rosiglitazone). I ricercatori israeliani della Hebrew University di Gerusalemme coordinati dal dottor Yaakov Nahmias, hanno osservato che la naringenina, responsabile del sapore amarognolo del frutto, ha un effetto salutare perché stimolando la sensibilità dell’organismo all’insulina aiuta il fegato a bruciare i grassi invece di accumularli, aiutando anche a mantenere il giusto peso.
Nahmias, autore della ricerca che è stata pubblicata sulla rivista scientifica PLoS One, ha detto che «a causa di problemi di sicurezza l’industria farmaceutica ha frenato lo sviluppo delle ricerche su sostanze chimiche simili alla naringenina che è invece un integratore alimentare di elevata sicurezza. Ma certamente non è solo mangiando pompelmi in abbondanza che si possono risolvere i problemi».
Possiamo però usare i rimedi naturali perché ci aiutino a vivere meglio.

 

 

 

Fonte: 27 agosto 2010, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga
  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio