L’aumento di vitamina D può ritardare il diabete

Secondo una ricerca condotta dal Tufts Medical Center di Boston, la supplementazione di vitamina D potrebbe migliorare la funzionalità delle cellule pancreatiche del 15-30% nelle persone a rischio di diabete di tipo 2.
Nello studio l’efficacia del trattamento è stata valutata sulla base dei valori di glicemia e di emoglobina glicata ma i risultati devono essere confermati da ulteriori studi, come spiega Anastassios Pittas, uno dei coautori dello studio: «Questi risultati suggeriscono che la supplementazione di vitamina D può aiutare a correggere il problema principale delle persone con diabete di tipo 2 e ritardare la progressione del diabete in adulti ad alto rischio ma non ne raccomanderei la prescrizione sulla base del nostro studio. Per comprendere il nesso fra diabete e vitamina D è infatti opportuno attendere i risultati di ricerche più ampie e di maggiore durata».
Le persone con un basso livello di vitamina D sono state finora considerate a maggior rischio di diabete ma il nesso è da tempo oggetto di studi e interpretazioni contrastanti. La ricerca americana, pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition, è stata condotta su 92 volontari cui sono state fatte assumere supplementazioni di vitamina D, di calcio, di entrambi o di placebo per quattro mesi.
 

 
Fonte 11 luglio 2011, quotidinanosanita.it

Potrebbero interessarti

  • 17 agosto 2017L’arrivo a Singapore e il significato di quella fetta di tortaUna fetta di torta è un piacere scontato per molti, ma non per chi soffre di diabete di tipo 1 e vive la sua vita in cerca di un difficile equilibrio glicemico influenzato da insulina, carboidrati e attività fisica. Posted in For a piece of cake
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi