Prediabetici: controllare glicemia post-carico per evitare problemi cardiovascolari

Il test della glicemia a digiuno permette di individuare alterazioni nella tolleranza al glucosio e di conseguenza capire se il paziente esaminato sia o meno in una condizione di prediabete.
Alcuni studiosi hanno di recente affermato che controllare il livello di iperglicemia post-carico sia il modo migliore per conoscere il rischio effettivo di malattie cardiache che questi pazienti corrono, poiché sembra essere ormai consolidata la teoria per cui alti livelli di PCH (iperglicemia post-carico) siano associati a una più alta incidenza di arteriosclerosi, trombosi e mortalità per malattie cardiovascolari.
Resta ancora da stabilire se intervenendo per diminuire e mantenere sotto controllo il livello della glicemia in questi soggetti si possano ridurre anche i rischi di disturbi cardiocircolatori.

 
Fonte: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism online, 13 marzo 2009

Potrebbero interessarti

  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia