Una ‘cintura del diabete’: mapparlo per prevenirlo

L’American Journal of Preventive Medicine ha pubblicato una ricerca del Centers for Desease Control and Prevention (Cdc) di Atlanta che avrebbe identificato una ‘cintura del diabete’ (diabetes belt) come quelle già note in agricoltura per le coltivazioni di mais o cotone. Secondo lo studio americano conoscere la distribuzione sul territorio dell’incidenza dei casi di diabete può consentire di ottimizzare gli sforzi contro questa patologia metabolica in continua crescita. Negli anni ’60 era stata fatta un’analoga localizzazione dei casi di ictus, per orientarne la prevenzione.
Dai dati emerge che i malati di diabete avrebbero un’incidenza maggiore (11%) nelle regioni ‘calde’.
Lawrence E. Barker, autore della ricerca, ha dichiarato: «Il diabete non può essere eliminato a causa di molte sue caratteristiche ma per altre come la sedentarietà, l’alimentazione e l’attività fisica il fatto di sapere quali sono le zone più a rischio può incoraggiare la popolazione a cambiare il proprio stile di vita».

 
Fonte 10 marzo 2011, asca.it

Potrebbero interessarti

  • 10 ottobre 2017“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di MilanoQuando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e […] Posted in Movimento
  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa