Poche proteine in gravidanza aumentano il rischio di diabete nei figli

Secondo una ricerca dell’Università di Cambridge ci sarebbe una relazione fra l’alimentazione delle donne in gravidanza e il rischio futuro di diabete per i figli. La causa della comparsa del diabete sarebbe nella sensibilità del gene HNF4A alla dieta della madre e potrebbe essere ereditaria. La ricerca è stata condotta su animali ma gli scienziati inglesi ritengono che i risultati siano applicabili anche all’uomo; le femmine di topi sono state nutrite durante la gravidanza con una dieta povera di proteine, solo l’8% contro il consueto 20%: fra i loro figli il tasso di incidenza del diabete è in seguito risultato più alto. Susan Ozanne del Cambridge Institute of Metabolic Sciente, che ha coordinato la ricerca, spiega: «Finalmente stiamo cominciando a capire come la nutrizione nel grembo materno influenzi le cellule del nostro organismo e dia l’impostazione alla nostra salute futura. È importante che la dieta durante la gravidanza sia sana ed equilibrata perché il suo impatto sarà determinante per il nascituro e potenzialmente lo sarà anche per i suoi nipoti».

 

 

Fonte 9 marzo 2011, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 30 maggio 2018Gli “Orti della Salute” nelle città, per prevenire obesità e diabete“Il progetto didattico punta a coinvolgere i cittadini, a partire dai più giovani e dalle famiglie, nelle scelte salutari, promuovendo formazione e informazione che mirino a modificare comportamenti inadeguati. L’obiettivo è dare un contributo per prevenire l’insorgere di malattie di grande rilevanza socio-sanitaria come obesità e diabete tipo 2 che pesano sul sistema sanitario e […] Posted in NEWS - 2018
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 23 maggio 2018Disponibile in Italia una nuova formulazione a base di calcifediolo per il trattamento della carenza di vitamina DCon la consulenza della Prof.ssa Maria Luisa Brandi. Dal 16 Maggio 2018 è accessibile in Italia una nuova formulazione farmacologica, a somministrazione mensile, a base di calcifediolo per trattare lo stato di carenza di vitamina D, oltre che i pazienti affetti da osteoporosi, sindrome da malassorbimento, osteodistrofia renale o con problematiche ossee indotte dal trattamento con […] Posted in Diabete e osteoporosi