Una molecola pulsante per spegnere il diabete

La molecola chiamata p66, già conosciuta per favorire l’invecchiamento, potrebbe essere l’interruttore per spegnere il diabete: la sua disattivazione potrebbe prevenirlo anche nei casi di squilibrio nel regime alimentare. Questa la scoperta dei team di ricercatori dell’Istituto di Patologia Generale della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica di Roma, coordinato da Giovambattista Pani e Tommaso Galeotti; la scoperta è stata realizzata grazie a esperimenti su topi e, se confermata clinicamente, potrebbe diventare un importante strumento nella lotta contro questa diffusa malattia metabolica, in continua crescita anche a causa dell’aumento dell’obesità infantile. Nonostante l’iperalimentazione e l’obesità, i topi cui era stato disattivato il gene p66, hanno sviluppato il diabete in misura minore rispetto a quelli che avevano il gene intatto; hanno anche mostrato una maggiore longevità, confermando il ruolo del gene nell’invecchiamento.
Il ruolo di p66 sarebbe quello di ‘sensore’ dei nutrienti e favorirebbe l’assimilazione del cibo, il conseguente accumulo di grasso e l’insorgenza di iperglicemia e diabete: la sua eliminazione ha consentito agli animali di continuare ad assumere cibo come prima senza però assimilarlo. Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

 

 
Fonte: 12 luglio 2010, italia-news.it

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 24 febbraio 2017Metformina: migliore prognosi nei pazienti con diabete tipo 2 e patologie associateI pazienti con diabete di tipo 2 avanzato raramente hanno una sola malattia cronica da gestire. Alcune comorbidità (malattie associate) come l’insufficienza renale o epatica e l’insufficienza cardiaca congestizia riducono fortemente il numero di farmaci da poter utilizzare per tenere sotto controllo i valori della glicemia in modo efficace e sicuro. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 10 febbraio 2017Il progetto aderenza: “Segui la terapia” a TorinoPartito alla fine del 2016 all’ASL1 di Torino, il progetto vuole migliorare l’aderenza alla terapia delle persone con una patologia cronica come il diabete o l’ipertensione o altre soprattutto per le persone che hanno difficoltà a seguire una terapia nel tempo. Posted in NEWS - 2017